Forte peggioramento atlantico all’orizzonte: ecco tempi e dettagli

18 Marzo 2014, ore 14:07

Conferme circa un cambio di rotta meteorologico nell’ultima decade del mese di Marzo. Gli ultimi aggiornamenti dei modelli matematici (tra cui entrambi i global model ECMWF e GFS) mostrano l’avvicinamento fra 22-23 Marzo di una vasta saccatura nord-atlantica che dovrebbe con tutta probabilità instabilizzare il tempo sulla nostra penisola nella settimana prossima, con vari impulsi perturbati che potrebbero affacciarsi nel Mar Mediterraneo.

Secondo gli aggiornamenti di questa mattina, fra Sabato e Domenica avremo un primo affondo perturbato verso le regioni nord-occidentali, con maltempo confinato al Nord. Ma le piogge e i temporali, con la traslazione della bassa pressione, dovrebbero estendersi anche al Centro e al Sud, ad inizio settimana (24-25 Marzo), apportando anche un generale calo termico. Tuttavia non si tratterà di un peggioramento di stampo invernale, e le temperature si manterranno comunque su valori piuttosto miti. Come di solito avviene in peggioramenti atlantici le zone maggiormente colpite dovrebbero risultare quelle del Nord Italia e le regioni tirreniche. Alto sarà il rischio di temporali e fenomeni intensi sulla penisola, dopo il riscaldamento anomalo di questi giorni, che spianerà la strada ad accentuati contasti termici. Torneremo sulla previsione nei prossimi aggiornamenti.

Forte peggioramento atlantico atteso fra week end e inizio settimana