Home > Previsioni Meteo > Meteo a breve termine > Gelo alle porte: prima stima degli accumuli sul versante Adriatico

Gelo alle porte: prima stima degli accumuli sul versante Adriatico

27 Dicembre 2014, ore 18:47

In questo editoriale con l’ausilio dei principali modelli matematici ad alta risoluzione andremo ad effettuare una prima e provvisoria stima degli accumuli nevosi che potranno interessare la fascia Adriatica. In particolare terremo conto del nostro modello matematico (WRF inizializzato con dati GFS) e dei modelli del Lamma Toscana. Dall’analisi di questi modelli possiamo affermare che nelle giornate del 28 e del 29 Dicembre 2014 le regioni maggiormente interessate da fenomeni nevosi saranno Marche, Abruzzo e Molise. Su queste a partire dalla serata di domani la neve cadrà a quote di bassa collina, mentre dalla nottata anche lungo le coste di Marche e Abruzzo. Le precipitazioni interesseranno queste zone a partire dal pomeriggio di Domenica e fino alla mattinata di Lunedì. Dal pomeriggio si avrà un breve miglioramento. Gli accumuli, lungo l’asse collinare potranno raggiungere i 15/20 cm (localmente anche fino a 30 cm), molto inferiori lungo le coste. Si segnala che dalla nottata di Lunedì 29, a causa di un nuovo impulso di aria gelida di matrice Artica continentale, si avrà un nuovo e  più marcato peggioramento delle condizioni meteorologiche, in questa fase la neve potrà cadere copiosa ed abbondante anche lungo le coste Adriatiche. Tuttavia per questa seconda fase, aspettiamo maggiori e più precisi dati prima di fornire eventuali stime degli accumuli.

Gelo alle porte: prima stima degli accumuli sul versante Adriatico. Previsione del modello matematico Inmeteo WRF

Gelo alle porte: prima stima degli accumuli sul versante Adriatico. Previsione del modello matematico Inmeteo WRF