Terremoto Lazio-Marche : sciame sismico in aumento fra Amatrice, Accumoli, Norcia, Arquata

25 Agosto 2016, ore 16:01

Terremoto del centro Italia/ Continua a tremare senza un attimo di tregua il sottosuolo dell’Appennino centrale, profondamente lacerato dal forte sisma di magnitudo 6.0 che ieri notte alle 03.36 ha devastato il reatino e l’ascolano.

Dopo le oltre 250 scosse di ieri, quest’oggi i sismografi e tutti gli abitanti dell’area epicentrale hanno percepito ben 154 scosse sino alle 15.40, di cui alcune abbastanza intense con magnitudo vicino al grado 4.5 della scala richter.
Eloquente ance la ripresa dello sciame sismico negli ultimi 80/90 minuti con circa 25 scosse registrate di cui due di magnitudo 3.0 e 3.2 alle 14.21 e alle 14.22, e una di magnitudo 4.3 alle 14.36. Queste scosse hanno ulteriormente aggravato la situazione nell’area epicentrale causando diversi crolli di strutture pesantemente provate dalla prima forte scossa. Lo sciame potrebbe pertanto proseguire nelle prossime ore in tutta l’area colpita dalle oltre 400 scosse di terremoto ( ricordiamo che gli epicentri sono molteplici, ma racchiusi nell’area fra Amatrice, Norcia e i monti ascolani.

TUTTO IL RIEPILOGO ODIERNO, sempre in aggiornamento, QUI >>>