Terremoto: viabilità in ginocchio, ancora diversi paesi isolati

31 Ottobre 2016, ore 12:22

Terremoto, viabilità – Dopo i sismi del 26 ottobre la situazione riguardante la viabilità delle zone colpite risultava già duramente compromessa, tuttavia dopo il forte terremoto di ieri, la viabilità del Centro Italia risulta in ginocchio.

Attualmente Norcia è raggiungibile solo da Cascia, mentre le località di Preci e Castelluccio, risultano ancora isolata e raggiungibili solamente in elicottero. Le pricipali criticità sono dovute alla presenza di grossi massi sulle carreggiate, frane e asfalto disconesso. In alcuni casi, come in val Nerina, la strada risulta completamente interrotta a causa della presenza di una enorme frana che ha deviato il corso del fiume Nera.La statale 685 in località Borgo di Cerreto è chiusa all’innesto con la provinciale 209. Chiusa anche la Sp 476, nel tratto tra Preci e Norcia.

Problemi alla circolazione lungo la provinciale 477 a causa di edifici pericolanti: la strada non è percorribile da Forca Canapine a Castelluccio. Nel tratto tra Castelluccio e Norcia possono solo passare i mezzi di soccorso. Problemi pesanti anche lungo la Salaria, tra Posta e Accumoli, in provincia di Rieti, e nel tratto di Ascoli Piceno. Queste sono solo le criticità più importanti, numerose sono le vie minori interrotte o impercorribili.

Terremoto: viabilità in ginocchio, ancora diversi paesi isolati