Aereo dirottato su Malta: attentatori minacciano di farlo esplodere

by Francesco Ladisa
23 Dicembre 2016 - 13:06

Ore di tensione per un attentato in corso all’aeroporto di Malta.

Il volo Afriqiyah Airways A320 era impegnato in una rotta interna nello stato della Libia, tra Sebha e Tripoli, quando è stato dirottato su Malta, dove è atterrato in mattinata.

Ora l’aereo è fermo all’aeroporto di Malta, con all’interno i dirottatori e tutti i passeggeri. Due uomini minacciano di far esplodere delle bombe. L’aereo è circondato da militari e membri delle forze speciali maltesi. Secondo quanto scrive il sito Times Of Malta, i dirottatori sostengono di essere pro-Gheddafi, e sarebbero disposti a liberare tutti i passeggeri, a parte l’equipaggio, quando saranno soddisfatte le loro richieste, che al momento non ancora divulgate.

Lo spazio aereo sopra Malta è stato chiuso e i voli sono dirottati su Catania e Palermo. Secondo altre fonti, il pilota avrebbe dichiarato alle autorità libiche, dopo il dirottamento, che uno degli uomini a bordo indosserebbe una cintura esplosiva.

Aggiornamento ore 16.00 – Si sono arresi, dopo aver liberato i 118 passeggeri a bordo e i due piloti i due libici che in mattinata hanno dirottato Airbus A320 della compagnia aerea libica Afriqiyah che stava compiendo un volo interno da Sebha a Tripoli. Il velivolo, con a bordo 111 passeggeri (82 uomini, 28 donne e un bambino) e sette membri dell’equipaggio, era atterrato alle 11.32 a Malta. Poi, dopo un paio d’ore di trattative direttamente con la capitale libica, i due dirottatori, che minacciavano di far saltare l’aereo con granate e che probabilmente avevano preso in considerazione anche l’atterraggio a Roma, hanno liberato tutti. Consegnandosi infine alle autorità e chiedendo asilo politico a Malta.