Home > Previsioni Meteo > Meteo a breve termine > Meteo Protezione Civile domani: maltempo e nevicate, ecco le zone interessate

Meteo Protezione Civile domani: maltempo e nevicate, ecco le zone interessate

25 Novembre 2017, ore 17:07

Nella giornata di domani osserveremo l’estensione del maltempo al centro-sud per lo scivolamento della perturbazione nord-atlantica verso sud-est, a cui seguirà anche l’afflusso di aria più fredda da Nord.

Ecco il bollettino meteo della Protezione Civile:

Previsioni meteo Domenica 26 Novembre 2017

Precipitazioni:
– sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Romagna, Marche, Abruzzo e settori orientali di Umbria e Lazio, con quantitativi cumulati da deboli a moderati, specie nella seconda parte della giornata;
– da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, sui settori costieri di Friuli Venezia Giulia e Veneto, resto di Emilia-Romagna e Umbria, su Toscana orientale, Molise, Puglia garganica, Campania meridionale, settori tirrenici di Basilicata, Calabria e Sicilia nord-orientale, con quantitativi cumulati deboli o puntualmente moderati;
– isolate, anche a carattere di rovescio o temporale, sul resto di Friuli Venezia Giulia, Veneto, Lombardia sud-orientale, Toscana, Lazio e del sud peninsulare e sulla Sicilia centrale tirrenica e ionica, con quantitativi cumulati generalmente deboli.
Nevicate: residue al di sopra dei 500 m sulle zone alpine orientali con accumuli deboli; al di sopra 500 metri sull’Appennino emiliano-romagnolo e al di sopra dei 600-800 metri su quello umbro-marchigiano e toscano e dal pomeriggio-sera su quello abruzzese e laziale, con accumuli da deboli a moderati.
Visibilità: nessun fenomeno significativo.
Temperature: in sensibile diminuzione nei valori massimi e serali al Centro-Nord.
Venti: da burrasca a burrasca forte nord-occidentali sulla Sardegna; da forti a burrasca settentrionali sulla Liguria e da nord-est sui settori costieri dell’Alto Adriatico; tendenti a forti settentrionali sulle regioni centrali peninsulari e dai quadranti occidentali su quelle meridionali; localmente forti di favonio sulle aree alpine centro-occidentali con sconfinamenti sulle prospicenti aree pianeggianti.
Mari: da agitato a molto agitato il Mar di Sardegna; da molto mossi ad agitati tutti i restanti mari.