Home > Previsioni Meteo > Meteo a medio termine > Previsioni meteo: week-end da lupi, nuovo intenso ciclone in arrivo

Previsioni meteo: week-end da lupi, nuovo intenso ciclone in arrivo

14 Novembre 2019, ore 14:56

Non c’è un attimo di tregua per l’Italia, alle prese con un mese di novembre estremamente dinamico e carico di pioggia dopo un inizio d’autunno praticamente estivo. La sesta perturbazione del mese approccerà il nord Italia nel corso di questa sera per poi intensificarsi domani su tante aree del centro-nord, come ben vi abbiamo parlato in questo articolo.

Ma non è tutto! Il vero peggioramento del tempo è atteso nel fine settimana, quando la massa d’aria fredda nord Atlantica si getterà pienamente nel Mediterraneo e darà vita ad un ciclone particolarmente intenso ed esteso, capace di avvolgere tutta Italia in maniera simile a quanto accaduto nelle scorse 48 ore. L’unica differenza sarà la diversa locazione del ciclone: questo nuovo vortice si svilupperà tra la Corsica e il mar Ligure e porterà i maggiori effetti sul centro-nord Italia tra sabato 16 e domenica 17. Il precedente vortice, invece, si era formato sul canale di Sicilia e sul mar Tirreno meridionale, portando i maggiori effetti al sud Italia (anche se in un secondo momento è riuscito a portare devastazione anche sul nord-est).

Ciclone nel week-end e maltempo violento

Il vortice ciclonico che si svilupperà tra sabato sera e domenica e porterà effetti marcati su gran parte d’Italia e soprattutto sul centro-nord. Nubifragi e venti forti saranno i protagonisti principali del fine settimana, capaci di causare nuovi vasti danni e disagi su tante regioni.
Le piogge colpiranno principalmente Liguria, alto Piemonte, Lombardia, Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli, Toscana e Lazio: su queste regioni avremo piogge intense e localmente torrenziali, con accumuli localmente superiori ai 200 mm. Il rischio idrogeologico maggiore riguarderà l’arco alpino e prealpino centro-orientale dove alla pioggia bisognerà sommare la neve che si fonderà sin verso i 1500-1800 metri di altitudine. L’aumento delle temperature dovuto allo scirocco, infatti, causerà una salita della quota neve oltre i 1800-2000 metri.

Domenica 17 il maltempo riuscirà ad estendersi anche al sud dove qualche violento temporale potrà portare dei grattacapi tra Campania, Basilicata, Calabria e Puglia. Andrà meglio tra venerdì e sabato dove le piogge saranno spesso assenti a dispetto dei venti di scirocco già piuttosto sostenuti e con raffiche oltre i 60 km/h.

Tanta neve sulle Alpi

Grazie alla contemporanea presenza di aria relativamente fresca proveniente dal nord Atlantico e ai venti di scirocco che raggiungeranno il nord Italia, sono previste copiose nevicate da stasera fino a domenica su gran parte dell’arco alpino. La neve scenderà inizialmente oltre i 900-1000 metri sul nord-ovest (localmente anche sui 400-500 metri tra stasera e domani sul Piemonte meridionale e torinese), dopodichè salirà oltre i 1800 metri come indicato nel precedente paragrafo.
L’ascesa della quota neve sarà dovuta ai venti di scirocco che produrranno un lieve aumento delle temperature. Insomma avremo maggiori precipitazioni ma nevose solo a quote più alte.

Oltre i 1800/2000 metri di quota sono previsti oltre 100/120 cm di neve fresca entro domenica, ma non escludiamo punte di anche 150 cm sulle aree di confine tra Lombardia, alto Piemonte, Veneto e Trentino Alto Adige.

video
play-sharp-fill

Venti tempestosi di scirocco e alta marea a Venezia

A poche ore dai disastrosi venti che hanno causato danni ingenti al sud e sul nord-est, la natura è pronta a ripetersi.
Il ciclone innescherà intensi venti di libeccio e di scirocco tra venerdì e domenica su gran parte d’Italia. I venti intensi si faranno sentire principalmente già da domani su tutto il centro-sud, sul Triveneto e sull’arco alpino: le raffiche localmente potranno superare, tra sabato e domenica, i 120-130 km/h su Sardegna e valichi alpini (specie le aree di confine con Svizzera e Austria), mentre sul resto della penisola oscilleranno tra i 50 e i 90 km/h.

Il possente vento di scirocco che risalirà lungo tutto l’Adriatico darà origine ad una nuova eccezionale alta marea su Venezia nella giornata di domenica. Non escludiamo che possa ripetersi quanto accaduto negli ultimi giorni, col mare capace di invadere gran parte della città con tutti i disagi annessi.

Restate sintonizzati su www.inmeteo.net! Seguiteci anche su facebook dove pubblichiamo tanti aggiornamenti interessanti in tempo reale!