Home > Salute, scienze e tecnologie > Coronavirus: tasso diffusione simile alla Sars, confermato caso in Germania

Coronavirus: tasso diffusione simile alla Sars, confermato caso in Germania

28 Gennaio 2020, ore 12:06

Continua ad espandersi il nuovo virus cinese denominato Coronavirus, responsabile fin’ora di oltre 100 morti e migliaia di contagiati.

E’ stato confermato anche il caso individuato in Germania, registrato a Starnberg, una città situata a circa 30 chilometri da Monaco di Baviera. Il ministero della Salute della Baviera ha fatto sapere comunque che la persona che ha contratto il virus è «in buono stato dal punto di vista medico» e che attualmente si trova in isolamento: il rischio di un nuovo focolaio per gli abitanti della Baviera è quindi «basso».

Gli ultimi numeri sul coronavirus riportano 4.500 contagi in dieci paesi del mondo e 106 morti, tutti in Cina. Il dato dei contagi, in particolare, è in notevole aumento negli ultimi giorni. Fino al 20 gennaio i casi confermati erano 280, mentre soltanto due giorni fa erano meno di tremila. Dopo la Cina, il paese più coinvolto è la Thailandia: poche ore fa sono stati confermati 8 nuovi casi di contagio, che portano il totale a 14.

Gli esperti hanno definito il nuovo virus cinese simile alla Sars per tasso di diffusione. Ogni persona contagiata dal virus 2019-nCov può infettarne in media altre 2,6, con un tasso che varia da 1,5 a 3,5. Le stime sono dei ricercatori dell’Imperial College di Londra, che collaborano con l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Queste stime, riporta la pubblicazione scientifica, sono simili a quelle fatte registrare per l’epidemia di Sars, durante la prima fase del 2002-2003, e dall’pandemia influenzale (H1N1) del 2009.