L’impressionante carenza di neve in Antartide, sull’Isola di re Giorgio [VIDEO]

by Francesco Ladisa
25 Febbraio 2020 - 12:34

Continua a destare preoccupazione la situazione climatica in Antartide, dove si sta registrando un lungo periodo eccezionalmente mite, con temperature al di sopra della norma. 

Le conseguenze di un’estate estremamente calda sono tangibili, attraverso le immagini satellitari e la semplice osservazione del paesaggio antartico da terra.

I ricercatori della base cilena ‘professor Julio Escudero’ si sono detti impressionati dalla mancanza di neve sull’isola di re Giorgio, la più grande delle isole Shetland meridionali, situata a 120 chilometri dalla costa dell’Antartide. “È la prima volta che vediamo questa impressionante carenza di ghiaccio”, ha affermato Erasmo Macaya, biologo marino dell’Università di Concepción, in Cile. “Un fenomeno che si è intensificato a causa delle ondate di calore che stanno investendo l’area dalla fine di dicembre”, spiega Marcelo Leppe, direttore dell’istituto.

La mancanza di neve è evidente in queste immagini girate da El Pais sull’isola di re Giorgio, normalmente ricoperta al 90% dal ghiaccio e posto ideale per animali come pinguini e foche.

 

Lo scorso 6 febbraio, in Antartide, è stata registrata la temperatura record di 18,3 gradi. Pochi giorno dopo, per la prima volta, nella stazione di monitoraggio di Seymour Island è stata rilevata una temperatura di ben 20,75°C, superando il precedente record di 19,8° C, detenuto dall’Isola di Signy nel gennaio 1982.

L’esempio lampante del ritiro dei ghiacci sul continente è rappresentato dallo scioglimento della piattaforma di Larsen, causato proprio dall’innalzamento delle temperature. La Piattaforma sta letteralmente collassando per via del troppo caldo che ha formato anche alcuni laghi in superficie. Si stima che tra il 1995 e il 2001 la piattaforma abbia perso 2500 chilometri quadrati di superficie, facendo ridurre la sua dimensione di circa il 40%.