Home > Previsioni Meteo > Meteo a medio termine > Previsioni meteo: gelo russo da sabato, arriva la neve a bassissima quota?

Previsioni meteo: gelo russo da sabato, arriva la neve a bassissima quota?

by Raffaele Laricchia
8 Febbraio 2021 - 19:25

Freddo e neve nel week-end, coinvolto il centro-sud! Aria gelida siberiana in movimento verso il Mediterraneo. Vediamo le previsioni meteo.

L’aria gelida di origine siberiana che sta avvolgendo tutta l’Europa nord-orientale e da poche ore anche quella centrale tra Gran Bretagna, Germania, Polonia e Danimarca, con grande probabilità raggiungerà la nostra penisola nel corso del week-end. Le temperature al suolo presenti in Europa mostrano chiaramente il “peso” di questa vastissima massa d’aria gelida, caratterizzata da temperature molto basse, anche inferiori ai -10/-20°C sulle vaste pianure europee.

Nei prossimi giorni l’aria gelida si incamminerà molto lentamente verso sud, irrompendo nel Mediterraneo attraverso i Balcani. I primi refoli gelidi entreranno sulle regioni adriatiche (tra Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna, Marche e Abruzzo) nella giornata di venerdì 12, ma con fenomeni ancora deboli e molto sparsi (nevosi in collina).
La parte più interessante del peggioramento potrebbe giungere nella giornata di sabato 13, grazie all’arrivo di una depressione atlantica sulle regioni del centro-sud, dove nel frattempo si insedierà aria via via sempre più fredda nei bassi strati.

SABATO NEVOSO AL CENTRO-SUD? | È ancora presto per confermarlo con certezza, ma le possibilità di un sabato nevoso su tante località del centro-sud aumentano sempre più di ora in ora. La depressione atlantica menzionata nel paragrafo precedente potrebbe portare precipitazioni su quasi tutto il centro-sud, nevose fino a quote bassissime soprattutto sul lato adriatico. Grazie al contemporaneo ingresso di aria sempre più fredda dai Balcani, le temperature scenderanno rapidamente su tutto il versante adriatico, tanto che lo zero termico si porterà tra i 200 e i 400 metri di altitudine. Questo significa che la neve potrebbe scendere fino a quote pianeggianti su Marche, Abruzzo, Umbria, Molise e Puglia centro-settentrionale. Neve a quote collinari o di bassa collina (300 metri circa) su Toscana, Lazio, Campania, Basilicata, oltre 500-600 metri in Calabria. I fenomeni più intensi potrebbero coinvolgere con maggior probabilità le regioni del sud, mentre su quelle centrali risulterebbero blande e di breve durata. Impossibile parlare di accumuli al momento.
Pioggia invece per le due isole maggiori e Calabria meridionale, con neve solo in montagna. In tutto questo il nord resterebbe ai margini con cieli sereni o poco nuvolosi, ma clima decisamente freddo soprattutto in serata.
La previsione è ancora suscettibile di cambiamenti, pertanto non escludiamo nuovi aggiornamenti entro le prossime 48/72 ore.

DOMENICA IRROMPE IL GELO? | Sul finire della settimana irromperà aria ancor più gelida su tutta Italia e soprattutto sul versante adriatico, più esposto alle correnti da nord-est. I fenomeni, tuttavia, saranno assenti su gran pare dello stivale ad eccezione dei settori adriatici tra Abruzzo, Molise e Puglia dove potrebbero verificarsi nevicate sparse fin sulle coste. 
Il clima sarà gelido specie al mattino e dopo il tramonto, con temperature inferiori allo zero su gran parte dello stivale.
I giorni successivi sono al momento ricchi di incertezze, pertanto attendiamo nell’esporre una previsione quantomeno affidabile.

Restate sintonizzati su www.inmeteo.net! Iscriviti al nostro servizio gratuito su facebook, dove riceverai le notizie più importanti o interessanti senza il minimo sforzo!