Home > Previsioni Meteo > Meteo a lungo termine > Caldo estremo nel prossimo week-end? Si temono i primi 40 gradi dell’estate

Caldo estremo nel prossimo week-end? Si temono i primi 40 gradi dell’estate

by Raffaele Laricchia

L’estate si sta impossessando prepotentemente di tutta la nostra penisola e lo farà con maggior convinzione nel corso della settimana in arrivo. L’anticiclone africano sarà protagonista assoluto da lunedì 14 a domenica 20, da nord a sud e con pochissime eccezioni.

Inizialmente avremo un leggero ritorno del maestrale al sud e sul basso Adriatico, come già vi avevamo descritto in questo articolo. Questo vento più fresco e gradevole rimescolerà l’aria nei bassi strati e impedirà un forte aumento delle temperature. Sul resto d’Italia (al nord e sul lato tirrenico) il caldo si farà invece sempre più intenso con temperature che sfioreranno i 35-36°C già da domani.

CALDO ESTREMO NEL PROSSIMO WEEK-END | Le correnti calde africane potrebbero intensificarsi ulteriormente nel corso del week-end 19-20 giugno, a causa del rinforzo di una bassa pressione nell’Atlantico, capace di risucchiare verso l’Italia imponenti masse calde sub-tropicali.

video
play-sharp-fill

L’avvezione calda rischia di rivelarsi particolarmente estrema, con isoterme a circa 1500 metri superiori ai 25°C. Questo significa che al suolo le temperature raggiungeranno con grande facilità i 36-38°C, con picchi anche superiori ai 40°C nelle zone interne del centro-sud (Sardegna, Sicilia, Calabria e Puglia le regioni più a rischio).

TEMPORALI DI CALORE | Qualche fenomeno temporalesco pomeridiano o serale potrebbe presentarsi in settimana sui monti e nelle zone interne del centro-nord: questo perché nonostante la presenza del gran caldo l’atmosfera potrebbe presentarsi non molto stabile, favorendo la formazione di isolati temporali sparsi.

Restate sintonizzati su www.inmeteo.net! Iscriviti al nostro servizio gratuito su facebook, dove riceverai le notizie più importanti o interessanti senza il minimo sforzo!

A cura di Raffaele Laricchia