Home > Previsioni Meteo > Meteo a breve termine > Allerta caldo: Domenica bollente, 10 città con bollino arancione e una con bollino rosso

Allerta caldo: Domenica bollente, 10 città con bollino arancione e una con bollino rosso

19 Giugno 2021, ore 18:31

Vi stiamo ampiamente parlando dell’ondata di caldo che nei prossimi giorni interesserà l’Italia, soprattutto il centro-sud, con temperature che sfioreranno addirittura i 40° su diverse regioni.

Un assaggio lo stiamo già vivendo in questo week end: la giornata di domani, Domenica, vedrà un un ulteriore intensificazione del caldo sulla penisola con l’afflusso di aria ancor più rovente dal nord-Africa.

Leggi anche “Previsioni meteo: aggiornamenti pessimi, caldo e afa eccezionali e persistenti fino a inizio luglio”

Il Ministero della Salute ha infatti emesso un bollettino in cui figurano diverse città con “allerta arancione” e una con l'”allerta rossa” (il livello di allerta più alto). Nel dettaglio, nella giornata di Domenica, abbiamo il bollino rosso per la città di Brescia e arancione per Ancona, Bologna, Bolzano, Campobasso, Firenze, Palermo, Perugia, Rieti, Roma e Verona.

Ricordiamo i livelli di allerta previsti dai bollettini del Ministero della Salute.

  • Il livello 0 (bollino verde) rappresenta condizioni meteorologiche che non comportano un rischio per la salute della popolazione.
  • Il livello 1 (bollino giallo) di pre-allerta indica condizioni meteorologiche che possono precedere il verificarsi di un’ondata di calore. Questo livello non richiede azioni immediate, ma indica che nei giorni successivi è probabile che possano verificarsi condizioni a rischio per la salute.
  • Il livello 2 (bollino arancione) indica condizioni meteorologiche che possono rappresentare un rischio per la salute, in particolare nei sottogruppi di popolazione più suscettibili.
  • Il livello 3 (bollino rosso) indica condizioni di emergenza (ondata di calore) con possibili effetti negativi sulla salute di persone sane e attive e non solo sui sottogruppi a rischio come gli anziani, i bambini molto piccoli e le persone affette da malattie croniche. Tanto più prolungata è l’ondata di calore, tanto maggiori sono gli effetti negativi attesi sulla salute.