Home > Previsioni Meteo > Meteo a lungo termine > Previsioni meteo: aggiornamenti pessimi, caldo e afa eccezionali e persistenti fino a inizio luglio

Previsioni meteo: aggiornamenti pessimi, caldo e afa eccezionali e persistenti fino a inizio luglio

19 Giugno 2021, ore 10:27

Quella in arrivo potrebbe rivelarsi l’ondata di caldo più forte e persistente degli ultimi anni, con temperature superiori ai 40°C a più riprese e condizioni di disagio persistenti per giorni e giorni. La previsione è ormai confermata, come già detto ieri, ma quel che più è incerto è la durata dell’intera ondata di caldo.

Con altissima probabilità l’avvezione calda sarà molto persistente, bloccata nel Mediterraneo non solo fino al termine della prossima settimana ma addirittura fino al termine di giugno.
Le ultime proiezioni, però, intensificano ulteriormente questa già severa ondata di caldo: le temperature eccezionali, superiori ai 40°C in tante località del centro-sud, potrebbero accompagnarci anche nei primi giorni di luglio.

In questo modo ne verrebbe fuori un’ondata di caldo intenso di quasi due settimane, con obiettivo principale il centro-sud. Certo si tratta di una previsione troppo in là nel tempo, ma la possibilità che questa si realizzi è purtroppo particolarmente alta. Quel che è ancor più certo è che per tutta la prossima settimana vivremo giornate eccezionalmente calde e via via sempre più afose, con condizioni di disagio elevate nelle ore centrali e soprattutto nelle grandi città.

DOVE FARA’ PIU’ CALDO | Il cuore più stabile e più caldo dell’anticiclone sub-tropicale si posizionerà sulle regioni meridionali e sarà proprio qui che avremo le temperature più alte. Da lunedì in poi le temperature massime saranno sempre superiori ai 38-40°C nelle zone interne della Sicilia e nelle aree interne (lontane dal mare) di Calabria, Basilicata e Puglia.
In alcune località particolarmente sensibili alle avvezioni calde e alla compressione dell’aria (se poste a ridosso di monti), è probabile che la temperatura possa raggiungere i 44-45°C come ad esempio nell’entroterra catanese.
Valori molto simili potranno essere sfiorati sul Tavoliere, nel foggiano.

Il caldo investirà anche Sardegna, centro Italia e nord-est, con temperature tra i 35 e 40°C per gran parte della prossima settimana. Solo il nord-ovest resterà ai margini del caldo più intenso.

video
play-sharp-fill

DISAGIO LEGATO AD AFA E INQUINANTI | L’umidità crescerà gradualmente di giorno in giorno a causa della mancanza di ricambi d’aria e della continua evaporazione dei mari: questo fattore sarà determinante per la costante crescita dell’afa, che si farà sentire sia di giorno che di sera (soprattutto sulle località costiere e pianeggianti).
Nelle grandi città o nei pressi di poli industriali, inoltre, avremo un forte aumento delle concentrazioni dello smog fotochimico, ovvero l’ozono. Questo gas si forma a seguito di una reazione chimica tra la forte radiazione solare e le particelle inquinanti di biossido di azoto presenti nelle città. In quantità elevate l’ozono rappresenta una minaccia per la salute e proprio questo consigliamo di non uscire durante le ore più calde delle giornate (momento in cui l’ozono è nelle sue concentrazioni più elevate).

Restate sintonizzati su www.inmeteo.net! Iscriviti al nostro servizio gratuito su facebook, dove riceverai le notizie più importanti o interessanti senza il minimo sforzo!