Home > Previsioni Meteo > Meteo a breve termine > Vortice freddo al centro-sud domani: l’allerta della Protezione Civile per maltempo e vento forte

Vortice freddo al centro-sud domani: l’allerta della Protezione Civile per maltempo e vento forte

10 Dicembre 2021, ore 18:03

Una saccatura nord-atlantica, con aria fredda di origine artica al seguito, si approfondirà ulteriormente nelle prossime ore determinando maltempo al centro-sud. Piogge, temporali, venti forti e nevicate fino a quote collinari, interesseranno domani le regioni centro-meridionali, con fenomeni più marcati sul medio versante adriatico e sulle regioni del basso versante tirrenico.

La Protezione Civile ha emanato poco fa un’allerta meteo per pioggia, vento e neve. Vediamo il comunicato ufficiale e le previsioni per la giornata di domani, 11 Dicembre.

Maltempo: allerta arancione nelle Marche

Ancora piogge, venti e neve al Centro Sud. Mareggiate lungo le coste esposte.

Avviso meteo del 10 dicembre

Una perturbazione di origine atlantica e a carattere freddo, in un contesto di generale rinforzo della ventilazione dai quadranti settentrionali, porterà precipitazioni su buona parte del Centro-Sud, con temporali diffusi sui settori tirrenici meridionali e adriatici centrali, e abbondanti nevicate, fino a quote collinari, lungo il versante orientale del centro della penisola.

L’avviso prevede dal tardo pomeriggio di oggi, venerdì 10 dicembre, venti da burrasca a burrasca forte nord-occidentali sulla Sardegna. Violente mareggiate lungo le coste esposte. Inoltre, dalle prime ore di domani, sabato 11 dicembre, si prevedono precipitazioni diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Marche e versanti orientali dell’Abruzzo. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Sempre per la giornata di domani, sabato 11 dicembre, previste nevicate al di sopra dei 500-800 metri su Marche, Umbria orientale, Lazio nord-orientale e Abruzzo, con locali sconfinamenti fino ai 300-400 metri durante i fenomeni più intensi, e al di sopra dei 700-1000 metri sul Molise, con apporti generalmente moderati, fino ad abbondanti sui settori centro-meridionali delle Marche, lungo il versante orientale dell’Abruzzo, sui settori appenninici dell’Umbria e sul settore più nord-orientale del Lazio.  Previsti inoltre venti da forti a burrasca, con rinforzi fino a burrasca forte, dai quadranti settentrionali, su Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise. Forti mareggiate lungo le coste esposte.

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto, è stata valutata per la giornata di domani, sabato 11 dicembre, allerta arancione su gran parte delle Marche e allerta gialla sui restanti settori. Allerta gialla anche in Umbria, Abruzzo, Campania, Molise, su parte di Lazio, Basilicata, Calabria e Sicilia.

Previsioni meteo Sabato 11 Dicembre 2021

Precipitazioni:

– diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Marche, Umbria orientale, versanti orientali dell’Abruzzo e settori tirrenici di Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia, con quantitativi cumulati generalmente moderati, fino a elevati su Marche centro-meridionali e versanti orientali dell’Abruzzo centro-settentrionale;

– da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, sui restanti settori di Umbria, Abruzzo, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia e su Romagna, Toscana orientale e meridionale, Lazio, Molise, Puglia e versanti occidentali della Sardegna, con quantitativi cumulati generalmente deboli, fino a puntualmente moderati sul Molise centro-orientale e sulla Puglia garganica.

Nevicate:

– al di sopra dei 500-800 m su Marche, Umbria, Abruzzo, Toscana orientale, Romagna e settore più nord-orientale del Lazio, con possibili sconfinamenti fino ai 300-400 m durante i fenomeni più intensi specie fra Marche centro-meridionali e versanti orientali dell’Abruzzo centro-settentrionale, con apporti al suolo da moderati ad abbondanti su Marche, Abruzzo, Toscana nord-orientale, settori orientali dell’Umbria e citato settore del Lazio, deboli sulle restanti zone citate;

– al di sopra dei 700-1000 m sul resto del Lazio e su Molise, regioni meridionali della penisola e Sardegna, con apporti al suolo da deboli a moderati;

– al di sopra dei 1000-1300 m sui rilievi della Sicilia, con apporti al suolo da deboli a moderati.

Visibilità: nessun fenomeno significativo.

Temperature: minime in generale aumento, localmente anche sensibile, al Centro-Sud, con valori bassi al Nord; massime in sensibile aumento sul Nord-Ovest e alta Toscana.

Venti: da burrasca a burrasca forte nord-occidentali su Sardegna e Sicilia, fino a tempesta sui rilievi; da forti a burrasca settentrionali sulle regioni centrali della penisola, con rinforzi di burrasca forte sui settori tirrenici e appenninici; forti sud-occidentali, tendenti a ruotare da nord-ovest dalla serata, sulle regioni meridionali della penisola, con rinforzi di burrasca specie sui settori ionici; forti di Foehn sui settori alpini, con raffiche di burrasca nelle valli esposte.

Mari: grosso il Mar di Sardegna; da molto agitati a localmente grossi il Canale di Sardegna e lo Stretto di Sicilia; da agitati a molto agitati il Tirreno meridionale e lo Ionio; agitati il Tirreno centrale e l’Adriatico centrale; molto mossi i restanti bacini.