Home > Previsioni Meteo > Meteo a breve termine > Meteo: irruzione molto FREDDA continentale dalla Russia, neve a quote bassissime a breve

Meteo: irruzione molto FREDDA continentale dalla Russia, neve a quote bassissime a breve

by Raffaele Laricchia
28 Febbraio 2022 - 8:45

Siamo arrivati all’ultimo giorno di febbraio, ultimo anche dell’inverno meteorologico: da domani, infatti, avrà inizio la primavera meteorologica (quantomeno sul calendario climatico) ma sarà un esordio tutt’altro che primaverile!

Mentre si consumano gli ultimi deboli fenomeni al sud, legati dalla depressione dello scorso week-end, ecco che si avvicina un’altra ondata di freddo, ben più forte della precedente, proveniente addirittura dalla Russia. Si tratta di aria molto fredda continentale che invaderà, tra stasera e martedì, tutto il sud ed il versante adriatico portando un sensibile calo termico (di oltre 10°C rispetto alle medie) e nevicate sparse fino a bassissima quota.

I primi fenomeni legati a questa irruzione continentale arriveranno al nord stasera, ma saranno perlopiù nevicate deboli e sparse fino in pianura su Friuli Venezia Giulia, Veneto, Trentino, alta Lombardia. Il tutto si consumerà in pochissime ore.
Discorso diverso per il medio-basso Adriatico e il sud, dove avremo almeno 24 ore di instabilità diffusa e nevicate a tratti abbondanti: Marche, Abruzzo, Molise e nord Puglia faranno i conti, già dalle prime ore di martedì, con nevicate sparse e rovesci nevosi in grado di creare accumuli anche di alcuni centimetri fino a bassissima quota. I fiocchi di neve potrebbero scendere fin sulle coste. Accumuli più rilevanti attesi oltre i 500-600 metri (anche oltre 10-15 cm).

Il maltempo e la neve arriveranno anche sulla Puglia centrale, Basilicata, Calabria e Sicilia centro-settentrionale: avremo fiocchi di neve fino a 100-200 metri su BAT, barese, tarantino occidentale e Basilicata. Neve oltre 300 metri in Calabria e oltre 500 metri in Sicilia (in calo entro sera fino a 300 metri su palermitano e messinese).
Rovesci di neve anche nel brindisino e leccese, ma prevalentemente oltre 200-300 metri. Più in basso acquazzoni, rovesci di neve tonda o grandine.

Anche sull’Appennino meridionale avremo discreti accumuli nevosi, che andranno a sommarsi a quelli già caduti negli ultimi giorni. Nella sola giornata di martedì potrebbero scendere oltre 15-20 cm oltre i 700-800 metri di quota.

Mercoledì gli ultimi fenomeni sparsi al sud, poi spazio ad un netto miglioramento.

Resta sintonizzato su www.inmeteo.net! Iscriviti al nostro servizio gratuito su Facebook (clicca qui), per ricevere le notizie più importanti di giornata!