Home > Previsioni Meteo > Meteo a breve termine > Meteo Protezione Civile domani 1 Marzo 2022: impulso freddo e neve fino a bassissima quota al centro-sud!

Meteo Protezione Civile domani 1 Marzo 2022: impulso freddo e neve fino a bassissima quota al centro-sud!

by Francesco Ladisa
28 Febbraio 2022 - 17:59

Un impulso freddo in retrogressione da est/nord-est verso l’Italia apporterà nella giornata di domani condizioni di instabilità con nevicate fino a bassa quota sulle regioni adriatiche e al Sud.

Ecco il bollettino della Protezione Civile:

Previsioni meteo Martedì 1 Marzo 2022

Precipitazioni: da isolate a sparse su versanti orientali dell’Abruzzo, Molise centro-orientale, Puglia, Basilicata, Calabria e settori settentrionali e orientali della Sicilia, con quantitativi cumulati deboli, fino a puntualmente moderati sulla Puglia centrale, ove i fenomeni assumeranno anche carattere di rovescio o temporale.

Nevicate:  al di sopra dei 200-400 m su Marche, versanti orientali dell’Abruzzo e su Molise centro-orientale, Campania orientale, Puglia e Basilicata, con possibili sconfinamenti fino a livello del mare su Abruzzo, Molise e Puglia garganica, con apporti al suolo moderati sui rilievi della Puglia centrale, deboli, fino a moderati alle quote superiori, sul resto della Puglia, sulla Basilicata e sulle citate zone di Abruzzo e Molise, deboli nell’entroterra campano e sulle Marche; al di sopra dei 700-900 m, in calo fino ai 400-600 m, su Calabria e Sicilia settentrionale e orientale, con apporti al suolo deboli, fino a localmente moderati alle quote superiori.

Visibilità: nessun fenomeno significativo.

Temperature: minime in rialzo, anche sensibile, sul Nord-Ovest, in generale diminuzione sulle regioni centro-meridionali peninsulari, con valori bassi sulla Pianura Padana centro-orientale e sulle zone pianeggianti interne e adriatiche del Centro-Sud.

Venti: forti dai quadranti settentrionali sulle regioni centro-meridionali, con raffiche di burrasca sui settori appenninici centrali, campani e lucani; inizialmente forti settentrionali sulla Liguria e nord-orientali su alto versante adriatico ed Appennino emiliano-romagnolo, con raffiche di burrasca su quest’ultimo, in attenuazione nella seconda parte della giornata.

Mari: molto mossi l’Adriatico centro-meridionale, il Tirreno centro-meridionale, il Canale di Sardegna, lo Stretto di Sicilia e lo Ionio; inizialmente molto mossi il Mar Ligure settore di Ponente al largo e l’Adriatico settentrionale, con moto ondoso in attenuazione.