Home > Salute, scienze e tecnologie > Un razzo cinese è in caduta libera sulla Terra: anche l’Italia fra le aree della sua possibile traiettoria

Un razzo cinese è in caduta libera sulla Terra: anche l’Italia fra le aree della sua possibile traiettoria

3 Novembre 2022, ore 13:18

Ancora una volta un razzo di proprietà cinese è in fase di caduta libera sulla Terra. Si tratta del razzo Lunga Marcia 5B, lanciato il 31 Ottobre dallo spazioporto di Wenchang e che ha trasportato in orbita con successo il terzo ed ultimo modulo della Stazione Spaziale Cinese.

Dopo aver completato la sua missione, il razzo rientrerà in maniera incontrollata sul nostro pianeta. Notevoli le dimensioni: si tratta di uno dei detriti spaziali più pesanti mai rientrati sulla terra: ha una massa tra le 17 e le 23 tonnellate e una altezza di 30 metri (circa come un palazzo di 10 piani). Naturalmente però il razzo non arriverò con tutta la sua massa sulla Terra ma gran parte di esso si disintegrerà grazie all’attrito con l’atmosfera terrestre. Potranno quindi arrivare sulla superficie terrestre dei detriti.

Il rientro del razzo, secondo le ultime elaborazioni degli esperti, è previsto approssimativamente tra il pomeriggio del 4 novembre e il pomeriggio del 5 novembre. Non è possibile prevederne il punto esatto di caduta, ma nell’ampia fascia in cui potrebbe cadere c’è anche l’Italia, in particolare l’area centro-meridionale. Avvicinandosi all’evento si potrà restringere notevolmente sia la fascia oraria che il campo geografico.

Va detto che le probabilità che qualche detrito arrivi su aree abitate e procuri danni a cose o persone sono estremamente basse. Quasi certamente, come accaduto in passato, i detriti finiranno nel mare o in zone rurali non densamente popolate, tuttavia è opportuno monitorare la traiettoria, poiché non si possono escludere al 100% eventuali danni.

Il razzo Lunga Marcia 5B non è il primo a cadere in maniera incontrollata sulla Terra. Abbiamo avuto eventi analoghi anche negli anni passati, a cominciare dal 2020 quando il primo stadio del medesimo razzo venne lasciato cadere verso la Terra dopo aver portato in orbita una capsula spaziale. In quel caso i detriti arrivarono sull’Africa occidentale. Stessa sorte qualche mese fa, quando un altro primo stadio razzo di Long March-5B, decollato il 24 luglio per portare nello spazio il modulo Wentian della stazione spaziale Tiangong, si è schiantato nella parte est dell’Oceano Indiano, tra Malesia e Indonesia. Ma ce ne fu anche un altro nel 2021, dunque i precedenti si stanno facendo troppo numerosi e ciò non piace alla NASA e alle altre agenzie spaziali.