Home > Previsioni Meteo > Meteo a breve termine > Protezione Civile: forte maltempo domani al Centro-Sud, rischio fenomeni intensi su alcuni settori

Protezione Civile: forte maltempo domani al Centro-Sud, rischio fenomeni intensi su alcuni settori

by Francesco Ladisa

Nella giornata di domani avremo un nuovo impulso perturbato proveniente da ovest che apporterà diffuso maltempo al Centro-Sud. Previsti fenomeni anche intensi e persistenti sul basso versante tirrenico.

Ecco tutti i dettagli con il bollettino della Protezione Civile:

Previsioni meteo Mercoledì 14 Dicembre 2022

Precipitazioni: 

– diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Campania meridionale, Basilicata tirrenica e Calabria tirrenica centro-settentrionale, con quantitativi cumulati generalmente moderati fino a puntualmente elevati;

– sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su resto della Campania, Sardegna settentrionale, resto di Basilicata occidentale e Calabria settentrionale ionica, con quantitativi cumulati da deboli a moderati;

– sparse, anche a caratare di rovescio o temporale, sui settori meridionali di Toscana, Umbria e Marche, su Lazio settentrionale, orientale e meridionale, su settore occidentale della Sardegna centrale, sui settori occidentali di Abruzzo e Molise, sulle restanti zone del Sud peninsulare e sulla Sicilia nord-orientale, con quantitativi cumulati deboli o puntualmente moderati;

– da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Romagna, Toscana centrale e restanti zone del Centro, con quantitativi cumulati generalmente deboli.

Visibilità: nessun fenomeno significativo.

Temperature: in generale rialzo, anche sensibile nei valori minimi sulle Alpi ed al Centro-Sud.

Venti: da forti a burrasca: dai quadranti occidentali o meridionali su Sardegna e Sicilia, in estensione dal pomeriggio alle regioni del Sud peninsulare; da Nord su Liguria e settori costieri della Toscana. In attenuazione a partire dai settori occidentali.

Mari: agitati il Mare e il Canale di Sardegna, il Tirreno centro-meridionale; molto mossi i restanti bacini occidentali, meridionali e l’Adriatico meridionale.

A cura di Francesco Ladisa