Home > Astronomia > La “cometa dei Neanderthal” sta per tornare dopo 50mila anni: lo spettacolo sarà visibile ad occhio nudo!

La “cometa dei Neanderthal” sta per tornare dopo 50mila anni: lo spettacolo sarà visibile ad occhio nudo!

by Francesco Ladisa
8 Gennaio 2023 - 12:34

C’è grande attesa fra gli appassionati di astronomia per l’arrivo della “cometa dei Neanderthal”. Si tratta più esattamente della cometa C/2022 E3 (ZTF), che si sta avvicinando progressivamente al nostro pianeta e potrebbe regalare un bellissimo spettacolo nei nostri cieli diventando (probabilmente) visibile anche ad occhio nudo fra fine Gennaio e primi giorni di Febbraio: un evento che non accadeva da circa 50 mila anni. Si narra infatti che l’uomo abbia già visto questa cometa moltissimo tempo fa, quando sulla Terra camminavano ancora i Neanderthal. Da qui appunto la sua denominazione.

La cometa toccherà in data 12 Gennaio il punto di distanza minima dal Sole a 166 milioni di chilometri dalla nostra stella: questo è il momento in cui ci si aspetta la maggiore attività della cometa, che cresce man mano che aumenta la quantità di luce e di calore in arrivo dal Sole. il massimo avvicinamento alla Terra invece, a 42 milioni di chilometri,  è previsto per il 1° Febbraio, ma già dal 24 gennaio la cometa potrebbe diventare visibile anche a occhio nudo, avvertono gli esperti della Nasa. Poi nel  corso del mese di febbraio la cometa diventerà sempre meno luminosa, fino a sparire completamente dalla vista a marzo.

La cometa C/2022 E3 (ZTF) osservata il 16 ottobre 2022 (credit: Dan Bartlett).

Va ricordato però che le comete sono oggetti molto imprevedibili: la loro attività e il loro comportamento dipendono da numerosi fattori e le previsioni vanno sempre prese con la pinza. Fa ben sperare però il fatto che il perielio arriverà prima della massima vicinanza con la Terra: in questo modo la cometa sarà già “bella carica” quando passerà nei pressi del nostro pianeta!

Per l’osservazione della cometa fra fine Gennaio e primi di Febbraio sarà necessario trovarsi in un luogo abbastanza buio con scarso inquinamento luminoso, quindi lontano da centri abitati. In presenza di buone condizioni di visibilità e cielo stellato, potremo goderci lo spettacolo della cometa ad occhio nudo. Ma la si potrà osservare ancora meglio con un binocolo o un telescopio. La cometa dei Neanderthal non dovrebbe raggiungere i livelli di altre spettacolari comete come la storica Hale-Bopp del 1997: ad occhio nudo apparirà come un suggestivo “batuffolo di luce verde”.

 

A cura di Francesco Ladisa