Home > Previsioni Meteo > Meteo a medio termine > FREDDO per tutta la settimana, ma ancor di più nel week-end?

FREDDO per tutta la settimana, ma ancor di più nel week-end?

by Raffaele Laricchia

L’ondata di freddo di origine polare arrivata 4 giorni fa nel Mediterraneo è destinata ad avvolgere lo Stivale ancora a lungo considerando che, per il momento non si intravedono azioni anticicloniche degne di nota, anzi queste contribuiranno a mantenere il freddo intrappolato nel “mare nostrum”. L’aria fredda, infatti, si è isolata a tutte le quote nel Mediterraneo, mentre tutt’attorno troviamo aree con alta pressione. Ci troviamo davanti ad un “cut-off”, una situazione tipica durante i mesi invernali nel comparto italiano.

Insomma è piuttosto chiaro che continuerà a far freddo quantomeno per tutta l’attuale settimana e molto probabilmente fino al termine del mese. Il freddo non sarà costante, ma potrebbe improvvisamente accelerare durante il week-end del 28-29 gennaio, proprio a ridosso dei giorni della Merla.

L’ulteriore abbassamento delle temperature sarebbe ad opera di un’irruzione fredda artica, proveniente dai Balcani dopo avervi soggiornato per qualche giorno. Insomma sarebbe una massa d’aria ben più fredda di quella che attualmente sovrasta lo Stivale in quanto maggiormente “continentalizzata” nei bassi strati. Per essere più chiari significa che la massa d’aria tenderà a raffreddarsi non solo alle alte quote ma anche più in basso dopo aver stazionato alcuni giorni sull’est Europa (grazie al fenomeno dell’irraggiamento notturno). Questo non accade per le ondate di freddo polari provenienti dall’Atlantico che vengono mitigate, nei bassi strati, dall’oceano.

Dunque cosa succederà nel week-end? Ancora presto per dirlo con certezza, ma il modello matematico europeo ECMWF ci mostra una possibilità incursione fredda dai Balcani che apporterebbe non solo un ulteriore netto calo termico ma anche nevicate sparse fino a bassa quota lungo le regioni adriatiche, dalla Romagna alla Puglia. Solo un’ipotesi, seppur valida, al momento. Nei prossimi aggiornamenti proveremo a sbrogliare con più attenzione la matassa.

A cura di Raffaele Laricchia