Home > Meteo Regione > Severa allerta meteo per l’Emilia Romagna: livello rosso per Martedì 16 Maggio

Severa allerta meteo per l’Emilia Romagna: livello rosso per Martedì 16 Maggio

15 Maggio 2023, ore 13:22

Si preannuncia un Martedì difficile in Emilia Romagna per il maltempo. La depressione che in queste ore sta colpendo il Centro-Sud risalirà l’Italia e raggiungerà dalla notte il Nord-Est, coinvolgendo appunto l’Emilia Romagna con piogge e temporali persistenti per gran parte della giornata di domani.

Il maltempo colpirà territori già devastati e resi fragili dall’alluvione di inizio Maggio, risultando quindi ancor più pericoloso. Particolarmente colpite saranno le province di Bologna, Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini, dove sono previsti quantitativi di pioggia elevati, anche superiori ai 100/150 millimetri nell’arco delle 24 ore.

La Protezione Civile dell’Emilia Romagna ha emesso infatti un’allerta meteo, rossa per diverse aree della regione. Ecco tutti i dettagli:

 “Valida dalle 00:00 del 16 maggio 2023 fino alle 00:00 del 17 maggio 2023
Dalle prime ore di martedì 16 maggio un intenso vortice depressionario presente sull’Italia centrale determinerà precipitazioni diffuse e persistenti di moderata intensità su tutta la regione, più insistenti sui rilievi e fascia pedecollinare del settore centro-orientale, dove potranno verificarsi cumulate di pioggia abbondanti.

Si prevedono piene con interessamento delle zone golenali e degli argini su tutti i corsi d’acqua del settore centro-orientale. Sui bacini Romagnoli e affluenti di Reno si prevedono colmi di piena prossimi ai franchi arginali e ai massimi storici registrati. Saranno inoltre possibili significativi innalzamenti dei livelli idrometrici sul reticolo idrografico minore, con associati fenomeni di erosione spondale e possibili inondazioni delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, etc.) e difficoltà di smaltimento delle acque della rete di bonifica. Sono previsti dissesti diffusi su tutto il territorio collinare e montano, numerosi ed estesi nel settore centro-orientale. Condizioni favorevoli allo sviluppo di frane per scivolamento lungo i versanti caratterizzati da condizioni idrogeologiche fragili e di frequenti frane a carico della rete stradale, accompagnate da ruscellamenti con erosione accelerata, trasporto e sedimentazione di materiale.

Si prevedono condizioni del mare sotto costa che possono generare localizzati fenomeni di ingressione marina ed erosione del litorale, oltre che ostacolare il deflusso di eventuali concomitanti piene dei fiumi e torrenti. E’ inoltre previsto un aumento della ventilazione nord-orientale con venti che sui rilievi e sul settore orientale della regione raggiungeranno intensità di burrasca moderata (62-74 km/h) e intensità superiori sui crinali appenninici emiliani.”