Home > Previsioni Meteo > Meteo a lungo termine > Previsioni meteo: arriva il CALDO AFRICANO, ecco quanto potrebbe durare

Previsioni meteo: arriva il CALDO AFRICANO, ecco quanto potrebbe durare

16 Giugno 2023, ore 12:21

L’anticiclone africano sta per tornare. Dopo essere stato in disparte praticamente per tutta la primavera ora è pronto a portare gran caldo e sole su tutta la penisola. 

Lo farà a partire dal week end ma soprattutto da Lunedì/Martedì, quando l’alta pressione si intensificherà e trasporterà aria molto calda direttamente dalle terre del deserto del Sahara. Il risultato sarà la prima ondata di calore, in concomitanza proprio con l’avvio ufficiale della stagione (mercoledì 21 Giugno è il solstizio d’estate).

L’apice dell’ondata di caldo

Il periodo di massima forza della rimonta anticiclonica sub-tropicale sarà fra 20-23 Giugno. In questa fase il caldo risulterà molto intenso e registreremo le temperature più elevate. Sono previste infatti massime diffusamente intorno ai 33-35 gradi da nord a sud, con punte fino a 37-38 gradi sulle Isole Maggiori e nelle aree interne del Centro-Sud, specie regioni tirreniche. Localmente, fra Martedì e Giovedì la colonnina di mercurio in Sardegna potrà arrivare a toccare i 40°C!

Un caldo a tratti associato anche ad alti tassi di umidità e quindi afoso, specie in Pianura Padana e lungo le zone costiere della penisola. Il tutto in un contesto pienamente soleggiato: la forte stabilità atmosferica indotta dall’anticiclone porterà infatti cieli generalmente sereni o poco nuvolosi, salvo qualche possibile acquazzone sulle aree alpine e pedemontane del Nord (da verificare meglio nei prossimi giorni).

La durata 

Abbiamo detto che l’anticiclone africano raggiungerà il suo apice nel periodo 20-23 Giugno, ma cosa succederà dopo? Sulla base degli ultimi aggiornamenti, potrebbero sopraggiungere correnti più fresche di origine atlantica portando un ridimensionamento termico e un ritorno anche di qualche temporale. Questo cambiamento potrebbe dunque avvenire fra Venerdì/Sabato della prossima settimana. La tendenza è comunque da verificare e lo faremo naturalmente nel corso dei prossimi aggiornamenti.