Home > Previsioni Meteo > Meteo a breve termine > Allerta meteo: forti temporali Venerdì al Nord Italia, previsti fenomeni intensi

Allerta meteo: forti temporali Venerdì al Nord Italia, previsti fenomeni intensi

20 Luglio 2023, ore 20:03

Un nuovo impulso instabile determinerà temporali sul Nord Italia fra stasera e la giornata di domani, con alto rischio di fenomeni intensi. L’Aeronautica Militare ha infatti emesso un avviso, che riportiamo di seguito:

PREVISIONE DI FENOMENI INTENSI EMESSA ALLE ORE 12:00/UTC DEL 20/07/23

SI PREVEDONO DALLA SERATA DI OGGI, GIOVEDI’ 20 LUGLIO 2023, E PER LE SUCCESSIVE 24/36 ORE TEMPORALI INTENSI SULLA LOMBARDIA, IN ESTENSIONE DALLE PRIME ORE DI DOMANI, VENERDI’ 21 LUGLIO 2023, ANCHE AL PIEMONTE, TRENTINO-ALTO ADIGE, VENETO E FRIULI-VENEZIA GIULIA. I FENOMENI TEMPORALESCHI SARANNO ACCOMPAGNATI DA ROVESCI DI FORTE INTENSITA’, FREQUENTE ATTIVITA’ ELETTRICA, GRANDINATE E FORTI RAFFICHE DI VENTO.
Fonte: C.N.M.C.A.

All’avviso dell’Aeronautica si aggiunge anche l’allerta meteo diramata dalla Protezione Civile:

Maltempo: allerta arancione in Lombardia

Ancora piogge e temporali al Nord, allerta gialla in cinque regioni
Avviso meteo del 20 luglio

Il contrasto tra il flusso di correnti atlantiche umide ed instabili e la massa d’aria calda presente a sud continuerà a determinare, nell’area settentrionale del nostro Paese, un incremento dell’attività temporalesca, con fenomeni localmente anche di forte intensità.

L’avviso prevede dalla serata di oggi, giovedì 20 luglio, precipitazioni sparse, a prevalente carattere temporalesco, anche di forte intensità, su Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, provincia autonoma di Bolzano e, dalla notte di oggi, anche su Emilia Romagna. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, grandinate e forti raffiche di vento. 

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per la giornata di domani, venerdì 21 luglio, allerta arancione per rischio temporali in gran parte della Lombardia e allerta gialla in Friuli Venezia Giulia, in Veneto, nella Provincia Autonoma di Bolzano, su parte dell’Emilia Romagna e nelle restanti zone della Lombardia.