Home > Previsioni Meteo > Meteo a breve termine > Meteo: comincia l’ondata di maltempo, prossime ore con rischio temporali e nubifragi al Centro-Nord

Meteo: comincia l’ondata di maltempo, prossime ore con rischio temporali e nubifragi al Centro-Nord

22 Settembre 2023, ore 10:21

Inizia la fase di maltempo che caratterizzerà il tempo sull’Italia nei giorni conclusivi della settimana. Una saccatura atlantica sta facendo il suo ingresso sull’Italia settentrionale, dove nella notte ha portato le prime intense precipitazioni che hanno colpito soprattutto la Liguria (accumuli localmente oltre 100 mm dalla mezzanotte fra imperiese e Genova).

Nel corso delle prossime ore il fronte perturbato evolverà gradualmente verso est determinando un generale peggioramento atmosferico sul Nord-Est e sulla Toscana. Anche sul resto del Centro tenderà a peggiorare con nubi sempre più diffuse e delle piogge in arrivo su Sardegna, Umbria, Lazio nel corso della seconda parte della giornata. Sui restanti settori e al Sud Italia il tempo rimarrà nel complesso stabile, anche con ampio soleggiamento al Meridione, in attesa del forte peggioramento di domani.
In serata prevista un’attenuazione dei fenomeni al Nord ma delle precipitazioni persisteranno sui settori alpini-prealpini del Nord-Est, seppur meno intense.

Fenomeni intensi, rischio nubifragi

Il rischio di fenomeni più intensi per oggi riguarderà le regioni settentrionali, in particolar modo la medio alta Lombardia, il Trentino Alto Adige, i settori alpini-prealpini e pedemontani di Veneto e Friuli Venezia Giulia, la Liguria di levante, l’Emilia Romagna occidentale (specie fascia appenninica) e la Toscana centro-settentrionale. Su queste zone potranno verificarsi piogge a carattere di nubifragio e fenomeni temporaleschi persistenti associati a frequenti fulminazioni, grandinate e raffiche di vento, in particolar modo sull’area tirrenica.

Per quanto concerne l’aspetto termico, registreremo oggi un lieve calo sulle regioni centro-settentrionali mentre al Sud avremo un temporaneo aumento dei valori per il richiamo di aria ancora più calda dai quadranti meridionali di natura prefrontale.