Home > Previsioni Meteo > Meteo a breve termine > Il Ritorno delle nebbie al Nord Italia: effetti dell’inversione termica e pericolo Smog

Il Ritorno delle nebbie al Nord Italia: effetti dell’inversione termica e pericolo Smog

15 Dicembre 2023, ore 15:32

Nel corso del weekend, ovvero nelle giornate di sabato 16 e domenica 17, il Nord Italia si prepara a vedere il ritorno di un fenomeno meteorologico comune in questa stagione: le nebbie e le nubi basse. Questi fenomeni si concentreranno soprattutto sulle pianure tra Piemonte orientale, Lombardia, Emilia, Veneto. Dunque il cuore della Pianura Padana.

La causa di questo ritorno è attribuita all’arrivo di un forte anticiclone, un’area di alta pressione atmosferica, che favorisce il fenomeno noto come inversione termica. Quest’ultima si verifica quando uno strato d’aria più freddo resta intrappolato vicino al suolo da uno strato d’aria più caldo sopra di esso. Questa condizione meteorologica favorisce la formazione di nebbie, soprattutto durante le ore notturne e mattutine, ma che a tratti potrebbero persistere anche di giorno, soprattutto sotto forma di nubi basse.

Oltre alla ridotta visibilità sulle strade e l’impatto sul traffico, le nebbie potrebbero contribuire a un altro problema ambientale: lo smog. Lo smog è una forma di inquinamento atmosferico che si verifica quando l’ozono e le particelle inquinanti si accumulano nell’aria. Durante le giornate nebbiose, la presenza di umidità e le condizioni di bassa ventilazione possono contribuire a trattenere gli inquinanti atmosferici, peggiorando la qualità dell’aria.

Questo scenario è particolarmente preoccupante, considerando che le nebbie dovrebbero persistere anche nei primi giorni della nuova settimana, a causa della continuità dell’anticiclone. Le autorità e gli esperti consigliano di prestare attenzione a eventuali avvisi relativi alla qualità dell’aria e di adottare misure di precauzione, come limitare l’attività all’aperto durante le giornate più nebbiose.

In conclusione, il ritorno delle nebbie al Nord Italia non solo avrà impatti sulle condizioni di viabilità ma peggiorerà anche la qualità dell’aria nei bassi strati, richiamando l’attenzione sulla necessità di affrontare il problema dello smog e l’importante di promuovere comportamenti sostenibili per preservare la salute dell’aria che respiriamo.