Home > Terremoti e vulcani > Il Terremoto di Lisbona del 1755: una catastrofe epocale

Il Terremoto di Lisbona del 1755: una catastrofe epocale

18 Dicembre 2023, ore 15:47

Il terremoto di Lisbona del 1755 è uno dei terremoti più devastanti della storia europea. Questo evento sismico ha avuto un impatto duraturo sulla cultura e sulla filosofia europea, portando a una riconsiderazione profonda delle credenze religiose e della prospettiva umana. In questo articolo, esploreremo gli eventi principali e le conseguenze di questo terremoto storico.

Il terremoto di Lisbona: Il 1° novembre 1755, la città di Lisbona, in Portogallo, fu scossa da un terremoto di magnitudo approssimativamente 8,5-8,7. L’evento sismico fu seguito da uno tsunami che devastò le coste del Portogallo e dell’Europa settentrionale e da un incendio che distrusse gran parte della città. La combinazione di questi disastri naturali fece sì che Lisbona venisse quasi rasa al suolo. Più di metà della città di Lisbona di allora venne praticamente distrutta.

Le vittime e i danneggiamenti: Si stima che il terremoto abbia causato la morte di decine di migliaia di persone, anche se le stime variano ampiamente. Secondo le fonti più autorevoli il terremoto causò tra i 60.000 e i 90.000 morti, su una popolazione stimata di 275.000 abitanti. In Marocco vi furono altri 10.000 morti. La città di Lisbona, con la sua architettura pregevole e le sue ricchezze culturali, subì danni inestimabili. Molte chiese, palazzi e strutture storiche furono distrutti, e la città fu costretta a ricostruire gran parte del suo tessuto urbano.

Potrebbe interessarti anche:

Conseguenze culturali e filosofiche: Il terremoto di Lisbona ebbe un impatto significativo sul pensiero europeo del XVIII secolo. Il filosofo Voltaire, per esempio, fu profondamente influenzato da questo evento e lo utilizzò come base per le sue riflessioni sulla teodicea e sulla giustizia divina. La domanda che sorse fu: “Come può un Dio buono permettere una tale catastrofe?” Questa domanda spinse molti a riconsiderare le loro credenze religiose e a mettere in discussione l’ottimismo razionalista dell’epoca.

Ricostruzione e preparazione per il futuro: Dopo il terremoto, Lisbona si impegnò in una massiccia opera di ricostruzione, che incluse la progettazione di nuove strutture architettoniche antisismiche. Questi sforzi di ricostruzione hanno contribuito a migliorare la resilienza della città ai terremoti futuri e hanno posto le basi per il suo aspetto attuale.