Home > Previsioni Meteo > Meteo a lungo termine > Peggioramento meteo in vista per San Silvestro e Capodanno: ecco la saccatura nord-atlantica che riporta l’inverno

Peggioramento meteo in vista per San Silvestro e Capodanno: ecco la saccatura nord-atlantica che riporta l’inverno

24 Dicembre 2023, ore 21:52
peggioramento san silvestro capodanno

Gli ultimi giorni del calendario potrebbero regalare finalmente un cambio di scenario meteo. Dopo un periodo particolarmente mite e ampiamente stabile che caratterizzerà i giorni di Natale, le previsioni indicano un possibile peggioramento delle condizioni atmosferiche per San Silvestro e Capodanno, imputabile all’arrivo di una saccatura nord-atlantica.

Questa discesa di correnti fredde, provenienti dalle latitudini settentrionali dell’Atlantico, ha il potenziale di mutare radicalmente il clima sul nostro Paese. Il maltempo, accompagnato da un progressivo abbassamento delle temperature legato all’afflusso di aria più fredda di origine artico-marittima, potrebbe interessarci proprio a cavallo fra 2023 e 2024.

E’ l’aggiornamento serale del modello ECMWF ad alimentare questa tendenza. Secondo la sua ultima emissione, l’arrivo di questa perturbazione nord-atlantica potrebbe portare piogge e nevicate anche a bassa quota al Centro-Nord, in montagna invece sulle regioni meridionali. A ogni modo le temperature calerebbero progressivamente su tutta la penisola tornando su valori più consoni al periodo dopo i valori fuori scala di questi giorni.

Data la distanza temporale che ci separa da questo possibile cambiamento, è indispensabile rimanere aggiornati sulle ultime uscite dei modelli meteo. Le previsioni a lungo termine possono subire variazioni, e dettagli come l’esatta traiettoria della saccatura o l’intensità del freddo possono fare una differenza sostanziale sugli effetti che si verificheranno.

Raccomandiamo ai cittadini di seguire gli aggiornamenti per pianificare di conseguenza qualsiasi spostamento o evento all’aperto per le celebrazioni di fine anno. È saggezza prepararsi a condizioni avverse, soprattutto se si trova a guidare o a trascorrere tempo prolungato all’esterno. Un adeguato abbigliamento invernale, la verifica degli pneumatici invernali e un controllo della propria auto possono fare la differenza in termini di sicurezza personale.

In conclusione, il passaggio dal 2023 al 2024 potrebbe essere contrassegnato dal ritorno di un clima più rigido, tipico del periodo. Le festività potrebbero quindi chiudersi sotto il segno del freddo e in diverse zone del maltempo. Ma ci riaggiorneremo nei prossimi giorni.