Home > Previsioni Meteo > Meteo a lungo termine > Previsioni meteo: scaldata veloce, poi torna il freddo

Previsioni meteo: scaldata veloce, poi torna il freddo

13 Gennaio 2024, ore 12:30
meteo fase mite veloce ritorno del freddo

Primi tepori a inizio settimana

L’inizio della prossima settimana segnerà una svolta nelle condizioni meteorologiche. Tra 15 e 16 gennaio osserveremo un primo riscaldamento con l’arrivo di correnti più miti dai quadranti sud-occidentali, che determineranno un aumento delle temperature di qualche grado, più significativo sulle due Isole Maggiori. Questo sarà il preludio a una fase ben più mite che arriverà a metà settimana.

Caldo primaverile in arrivo fra 17-19 Gennaio

A metà settimana, in particolare dal 17 Gennaio fino probabilmente al 19, il clima diverrà più mite su tutto il Centro-Sud grazie all’arrivo di una massa d’aria di origine sub-tropicale. Soprattutto nelle giornate del 18 e 19 Gennaio le temperature aumenteranno notevolmente raggiungendo anche picchi di 18-20 gradi, localmente 22-23 gradi in alcune aree della Sicilia e della Sardegna meridionale e sulla Puglia. Queste temperature sono naturalmente anomale per il periodo e più consone alla stagione primaverile che a quella invernale, soprattutto se consideriamo che siamo a Gennaio inoltrato.

Ancora instabilità, specie su versante tirrenico

Nonostante queste temperature elevate, il tempo sarà incerto e a tratti instabile, con cieli nuvolosi e possibili precipitazioni sparse, principalmente sui versanti occidentali della penisola dove le umide correnti provenienti da ovest/sud-ovest daranno vita a fenomeni localmente anche a carattere di temporale. Le regioni adriatiche godranno invece di più sole.

Potrebbe interessarti anche:

Influenza limitata sul Nord Italia

Questa fase mite non influenzerà particolarmente il Nord Italia, che continuerà a sperimentare un clima invernale, con temperature più basse, molte nubi, nebbie locali e occasionali piogge.

Possibile brusco calo termico a seguire

Arrivano conferme su un nuovo cambio di rotta in concomitanza con la fine della seconda decade del mese anche dagli ultimi aggiornamenti dei modelli. Entro il 20 gennaio potrebbe verificarsi un brusco calo delle temperature, con l’irruzione di aria più fredda di origine artico-marittima. Questo generale abbassamento delle temperature potrebbe essere particolarmente evidente nelle regioni adriatiche, accompagnato anche da forti venti di maestrale. Questa evoluzione meteorologica è ancora incerta e necessita di conferme nei prossimi aggiornamenti, soprattutto per quanto riguarda la relativa intensità. Ad ora però riteniamo questo scenario piuttosto probabile.

Conclusione: fase mite veloce al centro-sud, poi ritorno del freddo

In conclusione, si prevede una fase molto mite al centro-sud tra il 17 e il 19 gennaio che farà registrare temperature anomale per il periodo, seguita probabilmente da un rapido ritorno di condizioni meteorologiche più fredde, che potrebbero essere accompagnate anche da maltempo. Seguite gli aggiornamenti!