Addio ad Argo: il cane Iconico di Pompei

24 Gennaio 2024, ore 12:15
cane argo pompei morto

In un giorno di lutto per il Parco Archeologico di Pompei, la notizia della morte di Argo, la mascotte fedele del sito archeologico, ha commosso migliaia di persone. Questo amato cane aveva più di 15 anni ed era diventato un’icona vivente degli Scavi di Pompei, affettuosamente accudito dai residenti della città, dai lavoratori e dai tanti turisti che accorrono in questo posto straordinario.

L’annuncio della sua scomparsa è stato condiviso questa mattina attraverso i canali social del Parco Archeologico di Pompei, accompagnato da una toccante immagine dell’animale. Nella loro dichiarazione, gli Scavi di Pompei hanno descritto Argo come un “cane buono” che ha servito come custode e anfitrione per migliaia di turisti nel corso degli anni.

Argo è stato testimone silenzioso delle molte storie che si sono svolte tra le antiche rovine di Pompei. Ha camminato tra le strade lastricate di questa città sepolta sotto le ceneri del Vesuvio nel 79 d.C., portando con sé un senso di continuità tra il passato e il presente. La sua presenza calorosa e accogliente ha fatto sentire a casa numerosi visitatori, che spesso si fermavano per accarezzarlo e condividere un momento di affetto.

L’annuncio della morte di Argo ha suscitato un’onda di affetto e tristezza sui social media, con migliaia di like e centinaia di commenti provenienti da tutto il mondo. Gli utenti hanno condiviso ricordi e foto dei loro incontri con Argo, ricordando l’animale come parte integrante dell’esperienza di visita a Pompei.

Tra i numerosi commenti, alcuni hanno suggerito di dedicare una statua a Argo all’interno degli Scavi di Pompei, in modo che la sua memoria possa essere preservata per le future generazioni di visitatori. Questo suggerimento è un tributo significativo all’impatto che Argo ha avuto sulla comunità e sulla storia stessa di Pompei.