Home > Meteo News > Ondata di CALDO storica in Spagna: battuti tanti RECORD, oggi sfiorati i 30°C

Ondata di CALDO storica in Spagna: battuti tanti RECORD, oggi sfiorati i 30°C

25 Gennaio 2024, ore 20:06
caldo spagna

Non è solo l’Italia a fare i conti con un periodo molto mite. Anche la penisola iberica e in particolare la Spagna, interessata dal potente anticiclone sub-tropicale disteso su tutto il Mediterraneo, sta vivendo un gennaio insolitamente caldo. Dall’inizio del mese sono stati già stabiliti 90 nuovi record di temperatura.

Oggi, Giovedì 25, è stata la giornata più calda della settimana, con temperature che hanno superato i 20ºC in gran parte del paese, raggiungendo oltre 25ºC nel sud e nel sud-est. Spicca una temperatura massima di ben 26ºC a Murcia. Già ieri, Mercoledì 24 gennaio, erano stati raggiunti diversi record di temperatura in tutto il paese.

Il primo grande episodio di calore si è verificato dal 15 al 21 gennaio, con temperature minime insolitamente elevate in tutto il territorio nazionale, secondo quanto riferito dal portale eltiempo.es.

Tra i record più significativi ci sono quelli delle zone montane. Ad esempio, la stazione di Navacerrada, nella Comunità di Madrid, ha registrato una massima di 17ºC, superando il record precedente di 16,3ºC del 2013. Anche in vari capoluoghi di provincia sono stati battuti record, come a Cuenca (23,2ºC), Teruel (22,2ºC), Soria (20,8ºC) e Ávila (20,8ºC). La temperatura massima registrata nella rete ufficiale è stata di 28,4ºC a Carcaixent (Valencia), e fuori dalla rete ufficiale i termometri hanno raggiunto i 28,9ºC a Calles, Valencia.

Questa ondata di calore è determinata dall’espansione dell’Anticiclone sub-tropicale africano che sta consolidando i suoi massimi pressori proprio sull’area iberica (fino a 1035 millibar) facendo affluire aria molto mite per il periodo direttamente dal continente nord-africano. Il promontorio di alta pressione è caratterizzato da un altezza geopotenziale a 500 hPa estremamente elevato, soprattutto per il periodo invernale, che è arrivato nelle ultime ore quasi a 6000 metri. Questo sta a indicare un’atmosfera molto stabile e calda.

Per gli esperti questa ondata di caldo può essere collegata anche al cambiamento climatico, sebbene siano ancora necessari studi specifici per collegare direttamente questo singolo episodio al global warming. Preoccupanti anche le previsioni per i prossimi giorni, che vedono ancora alta pressione sub-tropicale e clima molto più caldo del normale.