Home > Aggiornamenti meteo > Meteo: arriva una turbolenta perturbazione nel fine settimana, quali i rischi?

Meteo: arriva una turbolenta perturbazione nel fine settimana, quali i rischi?

5 Marzo 2024, ore 9:48
meteo weekend maltempo

Una svolta decisiva nel clima

La stagione invernale, che fino a poco tempo fa si era distinta per una predominanza quasi assoluta dei sistemi anticiclonici, ha lasciato spazio a un’improvvisa rivoluzione delle dinamiche atmosferiche. Questo cambiamento ha introdotto un periodo di rinnovata instabilità atmosferica, con un’impressionante modifica delle tendenze meteo-climatiche. Le correnti oceaniche dell’Atlantico, da lungo tempo assenti dai nostri cieli, hanno ripreso a farsi strada verso la nostra penisola, portatrici di un clima più umido e instabile.

Questa situazione ha portato a precipitazioni copiose e diffuse, principalmente nella parte centrale e settentrionale dell’Italia, così come lungo le coste tirreniche, ma non mancano le eccezioni in cui tali fenomeni si estendono anche alle altre aree della penisola. Le zone montuose, e le Alpi in particolare, hanno beneficiato di questo cambiamento con l’arrivo di nevicate che hanno messo fine a un periodo di scarsità idrica che durava da mesi.

Un’escalation del cattivo tempo

Recentemente, si è assistito a un’escalation delle condizioni meteorologiche avverse, con precipitazioni sempre più intense e prolungate che hanno colpito ripetutamente alcune regioni, soprattutto nel centro-nord dell’Italia. Queste aree hanno sperimentato i maggiori disagi, come evidenziato da numerosi report e notizie di attualità. Una pausa da questo incessante maltempo sarebbe propizia, particolarmente per le regioni settentrionali, che avrebbero bisogno di giornate soleggiate per permettere ai terreni, ormai saturi di umidità, di asciugarsi. Anche fiumi e bacini idrici, che al momento straripano, trarrebbero vantaggio da una tregua dalle piogge.

Le previsioni attuali però non sembrano promettere una tale respiro. Al contrario, si prevede che le instabili dinamiche portate dalle correnti atlantiche continueranno ad essere protagoniste nei giorni a venire, portando con sé nuove precipitazioni e la possibilità di temporali di forte entità. Questi fenomeni temporaleschi sono resi ancor più probabili dall’aumento dell’irraggiamento solare tipico del mese di marzo, che contribuisce a creare forti differenze di temperatura, condizioni ideali per lo sviluppo di cumulonembi e violenti temporali.

Apprensione per il prossimo weekend

Le proiezioni climatiche per il weekend che si avvicina sono fonte di particolare preoccupazione per gli addetti ai lavori. Tra venerdì e, con maggiore probabilità, sabato e domenica, si prevede l’arrivo di una perturbazione molto strutturata, la quale potrebbe portare nuove ondate di piogge e temporali. Questi ultimi colpiranno in modo significativo soprattutto il nord-ovest, i settori alpini e le zone tirreniche, qui anche con forti temporali e grandinate.

Si attendono inoltre abbondanti nevicate sulle Alpi a quote superiori ai 1000 metri, con un conseguente incremento del pericolo di slavine e smottamenti nelle regioni montane e prealpine. È necessario tenere sotto osservazione costante l’evolversi di questa situazione, nella speranza che l’intensità dell’imminente ondata di maltempo possa essere in qualche modo contenuta. Continueremo a fornire aggiornamenti nei prossimi giorni, come di consueto.