Home > Aggiornamenti meteo > Meteo: la PRIMAVERA è davvero così lontana? Ecco gli ultimi aggiornamenti

Meteo: la PRIMAVERA è davvero così lontana? Ecco gli ultimi aggiornamenti

7 Marzo 2024, ore 18:40
primavera lontana

Nell’analisi dell’attuale contesto meteorologico, emerge con prepotenza la presenza di un’atmosfera vivace e imprevedibile. Stiamo attraversando una fase contraddistinta da una significativa attività del flusso atlantico perturbato, che impone la sua dinamica sul meteo del Mediterraneo. Ci troviamo di fronte a una successione di vortici depressionari che, penetrando nel nostro contesto atmosferico, sono artefici di abbondanti precipitazioni e della genesi di temporali che si sono succeduti con frequenza in questi ultimi giorni. Tali fenomeni, espressione tangibile dell’instabilità che caratterizza il passaggio stagionale, traggono origine e vigore dal progressivo e inarrestabile aumento della radiazione solare, che agisce come una sorta di “carburante” per la loro formazione.

Le proiezioni meteo a breve termine non sembrano voler indulgere in previsioni ottimistiche. Al contrario, suggeriscono che il maltempo e un’accentuata instabilità atmosferica manterranno una presa ferma sullo scenario meteorologico per un arco temporale che non si esaurirà nel breve periodo, estendendosi per lo meno fino ai primi giorni della settimana entrante. Allo stesso tempo, si rileva un andamento termico che stenta a conformarsi alle medie tipiche della stagione primaverile. Le temperature, infatti, continuano a gravitare attorno a valori relativamente bassi, condizionate dall’afflusso di correnti d’aria più fredde di matrice nord-orientale. Tuttavia, è previsto un temporaneo aumento delle temperature per le regioni centro-meridionali nel corso del fine settimana, grazie all’azione mitigatrice delle correnti di libeccio e scirocco.

Un interrogativo si fa strada tra gli appassionati di meteorologia e la popolazione in generale: “Quando potremo godere di una pausa da questo incessante periodo di turbolenze atmosferiche?” e, ancor più pressante, “Quando si materializzerà un clima più temperato e stabile nel nostro Paese?“. Sondando gli orizzonti dei modelli meteorologici a lungo termine, sembra che le condizioni di instabilità siano destinate a persistere almeno fino a metà marzo. In questo lasso temporale, si continuerà a risentire dell’alternanza tra correnti umide di origine atlantica e flussi d’aria più freschi provenienti da est, che contribuiranno a mantenere un contesto favorevole all’instabilità, in particolare nelle aree centro-meridionali della nostra penisola.

Un miglioramento di maggiore consistenza è atteso solo successivamente alla metà del mese di marzo, con il potenziale afflusso di una massa d’aria più mite e stabile che potrebbe dirigersi verso l’Italia espandendosi da ovest/sud-ovest. Un simile scenario potrebbe tradursi in un incremento del soleggiamento e un innalzamento delle temperature, che potrebbero avvicinarsi ai valori più tipicamente primaverili, attorno ai 20 gradi. Tuttavia, le speranze di un periodo esteso di alta pressione sembrano non trovare fondamento. Piuttosto, è più verosimile attendersi una breve tregua, seguita da un possibile ritorno delle condizioni meteorologiche avverse, con la minaccia di nuove infiltrazioni di aria fredda nel corso della terza decade di marzo.

Il consiglio per gli amanti delle giornate serene e soleggiate è quindi quello di armarsi di pazienza per alcune settimane ancora. Nonostante alcuni segnali lascino presagire un graduale avvicinamento verso un regime più mite e stabile, il percorso che conduce a una primavera autentica appare ancora ricco di insidie e dominato da un’alternanza di condizioni meteorologiche. Dopo tutto, il carattere del mese di Marzo è proprio questo: un susseguirsi di instabilità, variazioni termiche notevoli e persino ondate di freddo che richiamano l’inverno.