Home > Aggiornamenti meteo > Meteo: previsioni sfavorevoli, bel tempo lontano

Meteo: previsioni sfavorevoli, bel tempo lontano

8 Marzo 2024, ore 21:33
meteo bel tempo lontano

Continua l’Instabilità di Marzo

Il mese di Marzo persiste nel suo comportamento instabile, distaccandosi nettamente dalla stabilità climatica (anomala) dei mesi antecedenti. Una successione di fronti perturbati ha preso di mira il nostro Paese a partire dall’ultima decade di febbraio, portando con sé piogge che si sono rivelate insistenti e copiose. Le precipitazioni hanno colpito in maniera particolare le regioni settentrionali e quelle affacciate sul Mar Tirreno, provocando disagi di non poco conto e sollecitando oltremodo la capacità di drenaggio dei suoli, già appesantiti da un’eccessiva quantità di umidità.

Il ciclone che ha caratterizzato l’ultimo fine settimana lascia presagire precipitazioni che si protrarranno fino all’ingresso della settimana entrante, ma sulla base degli ultimi aggiornamenti non si esclude una pausa di breve durata dal maltempo, limitata a soltanto un paio di giorni. Tale intermezzo, tuttavia, non sembra configurarsi come un vero e proprio allentamento delle condizioni avverse, ma piuttosto come una tregua passeggera, inserita fra due distinti episodi di maltempo.

Imminente un nuovo ciclo di Perturbazioni

Le ultime elaborazioni effettuate dai centri di calcolo prevedono che, già a partire da venerdì della prossima settimana, possano abbattersi sull’Italia nuove perturbazioni di matrice atlantica, pronte a scaricare ulteriori quantitativi di pioggia di rilievo. Una simile eventualità vede svanire le speranze di coloro che auspicano un ritorno a condizioni meteorologiche serene e stabili.

Un anticipo di calura a fine mese?

Per quanto riguarda la terza decade del mese di marzo, permangono numerose incognite. Tra i diversi scenari prospettati si contempla sia la prospettiva di un’ostinata persistenza delle condizioni meteorologiche perturbate sia l’avvento di un’ondata di caldo inusuale, quasi eccessiva, come quella ipotizzata dal modello previsionale statunitense GFS. Approfondiremo queste tematiche con maggior dettaglio nei prossimi articoli.