Home > Previsioni Meteo > Meteo: scenari da piena Estate a Marzo, l’ondata di caldo all’improvviso

Meteo: scenari da piena Estate a Marzo, l’ondata di caldo all’improvviso

Ondata di caldo nelle simulazioni del modello americano GFS. Fine marzo con temperature estive?

8 Marzo 2024, ore 21:42
caldo fuori stagione meteo marzo

Mentre le perturbazioni atlantiche continuano a dominare il panorama meteo italiano, lasciando presagire un’altra decina di giorni caratterizzati da piogge e temporali, gli appassionati di meteo e la popolazione in generale iniziano a chiedersi: quando arriverà finalmente la primavera con le sue temperature più miti? Le previsioni per i prossimi 15 giorni suggeriscono un continuo dominio delle correnti atlantiche, con possibili refoli freddi provenienti dall’est Europa che potrebbero portare nuove ondate di maltempo sul territorio nazionale. Al momento, l’anticiclone sembra restio a fare la sua comparsa in Italia, almeno fino al 20 marzo.

Nonostante l’instabilità prevista per la prima metà di marzo, gli ultimi aggiornamenti dei modelli di previsione indicano un possibile cambio di scenario nella terza decade del mese. L’anticiclone africano potrebbe finalmente fare il suo ingresso, portando con sé un aumento delle temperature su tutta la penisola e regalando un po’ di stabilità. Questo evento sarebbe una svolta benvenuta dopo settimane di maltempo persistente.

Rischio ondata di caldo fuori stagione

Secondo il modello americano GFS, tra il 21 e il 23 marzo, proprio all’esordio della primavera astronomica, potremmo assistere a una potente ondata di caldo fuori stagione. Se tale scenario dovesse avverarsi, il sud Italia potrebbe esperire temperature che si aggirano intorno ai 33-35°C, valori quasi 20°C oltre le medie del periodo, segnando un inizio di primavera all’insegna di temperature estive.

Tuttavia, è importante sottolineare che è ancora presto per confermare con certezza questo scenario estremo. Altri centri di calcolo mostrano previsioni più moderate e non tutti concordano sulla portata dell’ondata di caldo annunciata dal modello americano. Pertanto, sarà cruciale monitorare gli aggiornamenti per avere una visione più chiara sulle probabilità che questo evento si concretizzi realmente.