Home > Previsioni Meteo > Meteo a lungo termine > Previsioni meteo: Forte ondata di maltempo in terza decade, ECWMF ci crede

Previsioni meteo: Forte ondata di maltempo in terza decade, ECWMF ci crede

16 Marzo 2024, ore 12:23
meteo maltempo marzo

L’Italia, nel suo tipico abito primaverile, danza tra momenti di sereno e repentini scrosci di pioggia. Nella nostra penisola, la stabilità meteorologica sembra essere per ora solo un ospite sfuggente, come dimostrato dalle recenti oscillazioni tra condizioni anticicloniche e improvvisi peggioramenti. Nei prossimi giorni, il paese continuerà a sperimentare questo andamento altalenante, con precipitazioni e occasionali temporali concentrati soprattutto nelle regioni centrali e meridionali.

Secondo le previsioni a breve termine, un nuovo impulso instabile è in arrivo nelle prossime ore, seguito da un altro all’inizio della prossima settimana, tra lunedì e le prime ore di martedì. Dopo questi episodi, si prevede che la pressione atmosferica aumenti nuovamente, favorendo un ritorno alla stabilità con maggiori schiarite e spazi assolati. Tuttavia, ciò non significa che l’Italia possa riporre l’ombrello per un lungo periodo.

Guardando ancora più avanti, specificamente alla terza decade di marzo, i modelli meteorologici iniziano a delineare scenari più turbolenti. Il modello dell’European Centre for Medium-Range Weather Forecasts (ECMWF) suggerisce un significativo cambiamento atmosferico in arrivo. Una marcata saccatura nord-atlantica, alimentata da correnti d’aria più fredde di origine artica, potrebbe scivolare verso sud, interessando l’Europa centrale e meridionale, inclusa l’area del Mediterraneo.

In particolare, nel periodo compreso tra il 24 e il 26 marzo, si potrebbe assistere a una perturbazione decisamente più organizzata e intensa. Tale sistema porterebbe piogge consistenti, vento e temporali anche di forte intensità sulla penisola, a causa del netto contrasto termico tra l’aria fresca proveniente dal Nord Atlantico e quella più calda di matrice subtropicale, attirata dal minimo depressionario che potrebbe formarsi sul Tirreno. Si tratta di una configurazione meteorologica classica per la nostra penisola, che spesso si traduce in precipitazioni abbondanti, specialmente lungo le coste tirreniche, ma non solo.

Attualmente, questa previsione rappresenta solo una tendenza, e dato che siamo a circa dieci giorni dall’eventuale evento, è necessario trattare queste informazioni con cautela. Tuttavia, è una tendenza che merita attenzione, poiché potrebbe trasformarsi in una fase di maltempo piuttosto insidiosa per molte aree del paese. Per questo, è fondamentale tenersi aggiornati con le future previsioni meteorologiche sul nostro sito.