Home > Previsioni Meteo > Meteo: insidioso ciclone con nubifragi e venti di tempesta, ecco quando

Meteo: insidioso ciclone con nubifragi e venti di tempesta, ecco quando

Forte peggioramento durante la settimana Santa, confermato un profondo ciclone nel Mediterraneo

23 Marzo 2024, ore 10:00
meteo ciclone settimana santa confermato

L’Italia sta vivendo una fase prettamente primaverile con tanto sole e soprattutto temperature ben oltre le medie tipiche del periodo. Lo dimostrano le temperature registrate in queste ultime ore, addirittura superiori ai 17°C su tante località del versante Adriatico, nonostante ci troviamo ancora al primo mattino. Nelle prossime ore, durante il pomeriggio, avremo a che fare con temperature da piena primavera, se non tarda primavera, tanto che potremmo sfiorare i 25°C su diverse località del Sud Italia, delle isole maggiori, localmente anche in Val Padana.

Questa stabilità, tuttavia, sarà minata nelle prossime ore, nei prossimi giorni, da incursioni instabili provenienti dall’Atlantico. I primi segni di maltempo arriveranno nel weekend, già da stasera a partire dal nord a causa di infiltrazioni più fredde che daranno luogo ad acquazzoni e locali forti temporali. Nulla a che vedere, tuttavia, col peggioramento previsto da martedì 26 marzo, ad opera di un ciclone proveniente da ovest, dall’Atlantico, che investirà buona parte d’Italia.

Ciclone della settimana Santa

Il principale centro di bassa pressione si isolerà tra la Francia e la Spagna, ma sarà comunque in grado di arrecare un severo peggioramento anche sulla nostra penisola grazie allo sviluppo di un altro ciclone secondario molto profondo che attraverserà tutto il Mediterraneo. Questo ciclone dispenserà piogge diffuse tra martedì e il giovedì, soprattutto al nord e lungo le regioni tirreniche, dove non escludiamo anche l’arrivo di importanti sistemi temporaleschi colmi di venti forti e nubifragi. Uno dei protagonisti principali del maltempo sarà proprio il vento, tempestoso prima di scirocco e poi di ponente, che potrebbe attraversare gran parte del centro e del sud tra martedì e giovedì. Le raffiche più intense si prevedono lungo l’appennino, dove non escludiamo picchi di tempesta, ovvero superiori ai 100 km/h.

Un miglioramento potrebbe arrivare a partire dal 29 marzo fino a Pasquetta, soprattutto sulle regioni del centro e del sud, mentre ci sono ancora tante incertezze sul Nord Italia dove potrebbero abbattersi nuove perturbazioni atlantiche.