Home > Aggiornamenti meteo > Meteo: scirocco e tantissima sabbia in arrivo sull’Italia, ecco le zone colpite

Meteo: scirocco e tantissima sabbia in arrivo sull’Italia, ecco le zone colpite

Il fenomeno della sabbia sahariana e il suo impatto sull'Italia

28 Marzo 2024, ore 22:51
sabbia in arrivo

I prossimi giorni in Italia saranno caratterizzati dal ritorno dello scirocco e della sabbia in sospensione, fenomeno già riscontrato nella giornata di mercoledì al meridione. L’avanzamento di una vasta depressione atmosferica sull’Europa occidentale favorirà a est di questa figura barica un rafforzamento dell’anticiclone subtropicale, che veicolerà verso il nostro territorio masse d’aria calda, portatrici di una quantità significativa di sabbia e polvere proveniente dal deserto nord-africano. 

Il prossimo arrivo di sabbia non si limiterà alle sole regioni del sud, ma si propagherà fino al Nord Italia e oltre i confini alpini, interessando anche nazioni dell’Europa centrale come Germania e Polonia, ma anche l’area balcanica e parte dell’Europa dell’est.

Al nord, le precipitazioni attese potrebbero determinare la caduta al suolo delle particelle di sabbia presenti nell’atmosfera, causando lo sporco di superfici varie, veicoli e strutture all’aperto. Sulle Alpi potremo assistere all’insolito fenomeno della “neve rossa“, ovvero la caduta di neve mista a sabbia che potrebbe colorare le montagne di una tinta rossastra/giallognola. Sconsigliato insomma lavare automobili e finestre di casa. 

Le feste pasquali non saranno immuni dall’influenza della sabbia e della polvere sahariana. Durante la domenica di Pasqua, il centro-sud del Paese sarà ancora interessato da questo fenomeno. Il giorno di Pasquetta, invece, il flusso caldo di origine subtropicale si concentrerà prevalentemente sul sud Italia, con un’alta concentrazione di sabbia soprattutto in Sicilia, Calabria, Campania e Puglia, in una dinamica simile a quella vissuta nella giornata di mercoledì. Al Centro e al Nord, le particelle saranno progressivamente rimosse da correnti di aria più fresca atlantica, proveniente da nord-ovest.

Infine, tra il 2 e il 3 aprile, si attende la definitiva attenuazione di questo fenomeno, con il ritorno di cieli sereni anche nelle regioni meridionali. Seguite gli aggiornamenti su www.inmeteo.net!