Home > Notizie extra > Tragedia sull’A14 nelle Marche: incidente e inferno di fuoco in galleria

Tragedia sull’A14 nelle Marche: incidente e inferno di fuoco in galleria

4 Aprile 2024, ore 13:23
incidente a14

Una mattina che doveva essere come tante altre si è trasformata in una tragedia lungo l’A14, nel tratto compreso tra Grottammare e Pedaso, nelle Marche. Un violento incidente ha coinvolto re veicoli: due camion e un pullman carico di passeggeri stranieri, con almeno dieci persone a bordo. Il bilancio è di 1 morto e 11 feriti, alcuni in gravi condizioni.

La vittima è di nazionalità macedone, e pare sia rimasta intrappolata tra le lamiere contorte dei mezzi coinvolti. Undici persone hanno riportato ferite nell’incidente, inclusi tutti i passeggeri del pullman e uno dei camionisti. Lo scontro è avvenuto sotto la galleria Vinci, in prossimità di Cupra Marittima, trasformando rapidamente il tunnel in un inferno di fiamme.

L’incendio che è scoppiato dopo lo scontro ha aggiunto un elemento di pericolo e complessità alla situazione già tragica. Le fiamme hanno reso difficile l’intervento rapido e efficace dei vigili del fuoco, mettendo in seria difficoltà anche il soccorso delle persone coinvolte.

La scena dell’incidente è stata descritta come agghiacciante, con veicoli distrutti e fumo denso che avvolgeva l’area circostante. Le testimonianze oculari riportano il caos e la confusione che hanno seguito l’impatto iniziale, con persone in fuga dalla scena mentre il fuoco divorava i veicoli coinvolti.

Le cause esatte dell’incidente devono ancora essere determinate dalle autorità competenti, ma già si sollevano interrogativi sulla sicurezza di questo tratto di autostrada. È noto che il tratto tra Grottammare e Pedaso è stato teatro di diversi incidenti nel corso degli anni, alimentando preoccupazioni sulla sua pericolosità.

La chiusura temporanea del tratto autostradale da Fermo a Grottammare ha causato lunghe code e disagi per i viaggiatori, ma di fronte alla tragedia che si è verificata, queste sono considerazioni secondarie.