Home > Previsioni Meteo > Meteo: brutte notizie anche per la Festa della Liberazione?

Meteo: brutte notizie anche per la Festa della Liberazione?

Freddo per giorni in Italia e rischio temporali e gelate tardive. Maltempo anche il 25 Aprile?

17 Aprile 2024, ore 9:00
meteo beute notizie 25 aprile

L’ondata di freddo annunciata da giorni ha raggiunto in queste ore la nostra penisola, provocando un diffuso calo delle temperature. Questo flusso freddo, proveniente direttamente dall’Artico, rischia di farci compagnia anche nei prossimi giorni, addirittura fino alla prossima settimana, determinando giornate di stampo chiaramente invernale.

Sia chiaro, non ci saranno nevicate a bassa quota o in pianura, bensì aria fredda che ci costringerà a rimettere mano ai cappotti e abiti più invernali, soprattutto durante le ore serali. Inoltre, considerando che ci troviamo ormai nel pieno della primavera e che il sollevamento diurno inizia a riscaldare in maniera sempre più accentuata i terreni, potremmo imbatterci in forti contrasti termici e quindi temporali e acquazzoni piuttosto forti. Inoltre, è altamente probabile l’arrivo di grandinate isolate ma intense soprattutto nelle zone interne del nord-est, del Centro Italia e della Puglia, della Basilicata e della Campania.

Brinate e gelate notturne

Come se non bastasse, ci sarà anche il rischio di brinate e gelate tardive soprattutto al Nord, nelle Valli alpine e prealpine e anche nelle zone interne del Centro Italia, specie dal weekend. Insomma, se di giorno potremmo respirare aria un po’ più gradevole, specie in presenza del sole, lo stesso non possiamo dirlo per le ore serali e notturne, quando il freddo si farà certamente sentire da nord a sud.

Festa della Liberazione col maltempo?

Questi flussi freddi provenienti dal Nord Est Europa ci faranno compagnia, come detto poc’anzi, fino alla prossima settimana, ed è altamente probabile che anche la festa della liberazione sia disturbata da nubi, acquazzoni, temporali e temperature piuttosto basse. Secondo le ultimissime previsioni, sembra che l’instabilità, il tempo inaffidabile, possa interessare soprattutto il Nord Italia e le regioni centrali, dove i flussi freddi saranno un po’ più incisivi e quindi andrebbero a determinare frequente instabilità. Insomma, il 25 Aprile potrebbe rivelarsi un’altra giornata molto instabile e incerta, certamente priva dell’alta pressione subtropicale.