Home > Previsioni Meteo > Meteo: ritorno del caldo in Italia rimandato?

Meteo: ritorno del caldo in Italia rimandato?

Inizio di Maggio più fresco, alta pressione ancora lontana.

2 Maggio 2024, ore 9:00
meteo ancora maltempo luce in fondo tunnel

L’arrivo della perturbazione del 1 maggio ha causato non solo piogge e temporali diffusi, ma anche un consistente calo delle temperature. La colonnina di mercurio ha perso molti gradi, soprattutto al Nord e sulle regioni centrali, mentre il sud ha ancora fatto i conti con area parecchio mite a causa dei venti sostenuti di scirocco. Queste condizioni meteo instabili favoriranno un’ulteriore calo delle temperature nelle prossime 48 ore grazie all’arrivo di venti freschi da ovest che spazzeranno via le ultime note miti dalla nostra penisola.

Almeno fino a domani avremo a che fare con aria particolarmente gradevole di giorno e molto fresca di notte, mentre durante il weekend ci sarà un lieve aumento delle temperature. Tornerà a una parvenza di alta pressione tra sabato e domenica che garantirà un aumento delle temperature massime, le quali si porteranno attorno ai 17-20 °, con qualche punta fino a 24 o 25 ° nelle zone interne del centro sud.

Freddo della prossima settimana

Tuttavia ci sarà uno nuovo calo delle temperature nel corso della prossima settimana, in particolar modo attorno all’otto e il 9 maggio, quando aria più fredda proveniente dall’est si affaccerà sui Balcani e infine sul Mediterraneo centrale, favorendo un diffuso calo termico. Addirittura la colonnina di mercurio potrebbe scivolare al di sotto delle tipiche medie del periodo almeno fino al 10 maggio, dopodiché la ripresa delle temperature sarà molto molto lenta.

Ma il caldo?

Ma quando torneranno quindi i tepori tardo primaverili? Secondo gli ultimi aggiornamenti dei centri di calcolo, l’ipotesi di aria più calda in grado di portare le temperature oltre i 25 ° è rimandata quantomeno alla metà del mese. Fino a quel momento avremo a che fare con frequenti perturbazioni e correnti più fresche provenienti sia da ovest che da est, mentre l’anticiclone subtropicale resterà relegato alle proprie latitudini d’origine. Attorno al 13 o al 15 maggio l’alta pressione potrebbe riaffacciarsi quantomeno sulle regioni del centro sud, ma per il momento parliamo solo di tendenze a lungo termine.