Home > Terremoti e vulcani > Terremoto Campi Flegrei: ecco il comunicato di aggiornamento dell’INGV

Terremoto Campi Flegrei: ecco il comunicato di aggiornamento dell’INGV

Intensa attività sismica sui Campi Flegrei: scossa di magnitudo 4.4 genera panico e danni lievi a Pozzuoli

21 Maggio 2024, ore 9:10
terremoto campi flegrei ingv

Nella serata di ieri, un intenso sciame sismico ha colpito l’area dei Campi Flegrei, con una forte scossa di magnitudo 4.4 (la più intensa degli ultimi anni) che ha provocato panico tra la popolazione e alcuni danni di lieve entità a edifici, soprattutto nell’area di Pozzuoli, vicina all’epicentro. In poche ore sono stati registrati oltre 150 terremoti, molti dei quali avvertiti dalla popolazione napoletana.

Il rapporto dell’INGV

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha pubblicato un aggiornamento sul proprio sito ufficiale che riportiamo di seguito.

Dalle ore locali 19:51 del 20 maggio 2024 (UTC 17:51) è in corso uno sciame sismico nell’area dei Campi Flegrei che, fino alle ore 00:31 del 21 maggio 2024 locali, ha fatto registrare in via preliminare circa 150 terremoti con Magnitudo durata (Md) ≥ 0.0 (95 localizzati) e una Magnitudo massima (Md) di 4.4 (±0.3).

L’evento di Md 4.4 è stato il più energetico tra quelli registrati dall’inizio dell’attuale crisi bradisismica iniziata nel 2005. L’epicentro è collocato all’interno della Solfatara ad una profondità di 2.6 km.

Non si registra allo stato attuale un aumento della velocità di sollevamento che attualmente è di 2 cm/mese. Sempre allo stato attuale, non si registrano variazioni di andamento nelle deformazioni orizzontali o deformazioni locali del suolo diverse rispetto all’andamento precedente.

Si ricorda che durante la crisi bradisismica del 1982-84 il sollevamento del suolo raggiunse i 9 cm al mese, e si superarono anche 1300 eventi sismici al mese. Attualmente, invece, nell’ultimo mese sono stati registrati circa 450 eventi con Md≥0.0.

I parametri geochimici misurati con le stazioni in continuo (Temperatura e flussi di anidride carbonica) non mostrano variazioni significative rispetto agli andamenti degli ultimi mesi, se non il ben noto incremento di temperatura e pressione che caratterizza il sistema idrotermale.

La sismicità non è un fenomeno prevedibile, pertanto non può essere escluso che si possano verificare altri eventi sismici, anche di energia analoga con quanto già registrato durante lo sciame in corso.

L’Osservatorio Vesuviano dell’INGV continua le attività di monitoraggio ordinarie e straordinarie al fine di individuare anche le più piccole variazioni nei parametri di monitoraggio utili per definire al meglio l’attuale fenomeno in corso.

Le strutture dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) dedicate al monitoraggio dell’area della caldera dei Campi Flegrei sono sempre operative h24 e nella giornata del 21 maggio saranno effettuate misure e campionamenti in alcuni siti della caldera.

L’INGV, con la sua Sezione di Napoli Osservatorio Vesuviano, è costantemente in collegamento con la Protezione Civile nazionale, regionale e con i Comuni interessati, oltre che con tutte le Autorità competenti alla tutela del territorio.