Home > Previsioni Meteo > Meteo: la musica non cambia, altro week-end da incubo!

Meteo: la musica non cambia, altro week-end da incubo!

Italia divisa a metà anche nel week-end, tra caldo estremo e forti temporali!

6 Giugno 2024, ore 8:00
italia divisa in due meteo

È tornato il sole in ogni angolo d’Italia, ma a quanto pare la situazione potrebbe non cambiare particolarmente nel prosieguo di giugno. L’anticiclone ha posto fine alla lunga fase perturbata che attanagliava soprattutto le regioni del Nord, però secondo gli ultimi aggiornamenti dei modelli matematici questa tregua potrebbe rivelarsi abbastanza breve.

Altro maltempo in vista

In effetti, tutti i principali centri di calcolo ci mostrano un’evoluzione meteo ancora molto insidiosa per le regioni settentrionali, considerando che già da questo fine settimana dovremo nuovamente rispolverare gli ombrelli e assistere alla formazione di tanti rovesci e violenti temporali. Qualche temporale di calore potrebbe già manifestarsi nella serata di venerdì sulla Val Padana centro-occidentale nonostante la presenza dell’anticiclone.

L’apice del maltempo, tuttavia, è previsto per la giornata di domenica, quando avanzerà un vasto fronte freddo dal Nord Europa che prima attraverserà Francia e Germania per poi irrompere sulle regioni settentrionali, dove innescherà lo sviluppo di violenti temporali, grandinate e anche un brusco calo delle temperature. Insomma, la situazione non cambierà particolarmente rispetto alle scorse settimane, considerando che sarà proprio il Nord il principale obiettivo di queste nuove perturbazioni.

Come se non bastasse, altri temporali potrebbero arrivare la prossima settimana sempre sul Nord Italia e, in maniera più marginale, sulle regioni centrali. Contemporaneamente, il Sud Italia si troverà alle prese con una lunghissima e forte ondata di caldo subtropicale che già da sabato porterà le temperature oltre i 35° su molte città. L’apice del caldo al sud è previsto tra domenica, lunedì e martedì, quando si prevedono punte di 39° o addirittura 40° nelle zone interne di Puglia, Calabria e Sicilia.