Home > Meteo News > Ondata di gelo estrema in Argentina: ghiacciano i fiumi in Patagonia

Ondata di gelo estrema in Argentina: ghiacciano i fiumi in Patagonia

9 Luglio 2024, ore 13:14
gelo argentina

Ondata di gelo storica in Argentina

Una poderosa ondata di gelo sta colpendo negli ultimi giorni l’Argentina, causando estese nevicate e temperature in calo fino a -25 gradi Celsius. Il gelo ha provocato il congelamento di alcuni laghi e corsi d’acqua interni, in particolare in Patagonia, portando il Servizio Meteorologico Nazionale (SMN) a emettere un’allerta “rossa” per “condizioni estreme”.

Nelle ultime ore, l’allerta rossa è stata estesa anche all’est e parte del nord della provincia di Buenos Aires, al nord di La Pampa e al sud di San Luis. Queste zone si aggiungono a quelle dell’estremo sud del Paese, tra cui Terra del Fuoco, Santa Cruz, Chubut e Rio Negro.

L’SMN ha comunicato che il freddo estremo è dovuto all’ingresso di una massa d’aria polare e persisterà almeno fino al prossimo fine settimana. Inoltre, è stata emessa un’allerta di livello arancione per la periferia della capitale Buenos Aires a causa dei rischi per la salute associati a queste condizioni climatiche.

Situazione in Patagonia

Nella Patagonia argentina, le temperature sono crollate a -25 gradi, costringendo l’esercito a intervenire per raggiungere e soccorrere le persone intrappolate nella neve. Questa regione sta affrontando una delle peggiori ondate di freddo degli ultimi anni, con gravi disagi per la popolazione locale.

Record di Freddo a Buenos Aires

Sabato mattina, la temperatura a Buenos Aires è scesa sotto lo zero per la prima volta in 13 anni. L’ultima volta che la capitale argentina ha registrato temperature simili è stata il 4 luglio 2011. Questo evento eccezionale ha portato le autorità a lanciare avvertimenti alla popolazione.

Rischi per la Salute

Le autorità avvertono che il freddo intenso può essere potenzialmente pericoloso, soprattutto per i gruppi a rischio, come i bambini, gli anziani oltre i 65 anni e le persone con malattie croniche. È stato consigliato di prendere precauzioni, rimanere al caldo e limitare le uscite all’aperto se non strettamente necessario.