Modelli a confronto : sarà Rodano o Bora?

MODELLI A CONFRONTO:    L’Italia si appresta a vivere una fase particolarmente rigida ( di cui abbiamo parlato anche qui e qui) dell’inverno che fin’ora si è mostrato ai nostri occhi solo in effimere occasioni .
Mettiamo a confronto i maggiori modelli matematici in modo da capire la possibile evoluzione di questa ondata gelida di origine siberiana.
Partiamo col dire che tutti i GM (global model) sono concordi nel vedere , intorno alle 48 ore , una goccia fredda sulla Francia penetrare dalla valle del Rodano e approfondire un minimo depressionario sul tirreno in traslazione verso est . Questa azione richiamerà inizialmente l’aria gelida dal Rodano , quindi aggirando le Alpi e provocando un peggioramento netto del tempo sulle regioni del Nord e quelle tirreniche :

 

Pannello previsionale per il 1° febbraio - GFS - Meteociel

Pannello previsionale per il 1° febbraio - ECMWF - Meteociel

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In seguito ci sono due possibilità : il minimo si approfondisce ulteriormente posizionandosi sul Mar Ionio , provocando così un afflusso di aria gelida dalla porta della Bora (coinvolgendo il litorale adriatico e il Sud Italia) ; oppure il minimo depressionario durante la sua traslazione va esaurendosi  e  l’ingresso di una piccola goccia in quota tra Spagna e Francia scava una profonda depressione sulle isole Baleari provocando un ingresso totale del gelo esclusivamente dalla valle del Rodano , provocando un forte peggioramento nevoso sul lato tirrenico e sull’Europa Occidentale. Quest’ultima possibilità al momento è presa in considerazione dall’aggiornamento  di GFS e al momento potrebbe avere basse probabilità di successo.

Ecco lo scenario proposto da GFS con ingresso del Burano direttamente dal Rodano:

Ipotesi presa in considerazione da GFS a 120h con ingressio dal Rodano

 

Ecco invece l’ipotesi presa in considerazione dagli altri modelli matematici  con ingresso prettamente dalla porta della bora:


 

Anche UKMO vede l’ipotesi bora nel pannello a 120h
Ipotesi di ECMWF con ingresso dalla bora – pannello 120h
Stessa ipotesi anche di BOM ACCES con ingresso dalla bora – pannello 120h

 

Inoltre ecco una mappa a 48h del modello tedesco DWD/GME (modello molto preciso nel prevedere la nascita/disposizione dei minimi depressionari) che ci mostra come il minimo di bassa pressione sopra la penisola iberica non si forma , grazie a geopotenziali più alti e  alta pressione azzorriana leggermente più disposta verso est . GFS ,invece, vede la nascita di questo minimo che , approfondendosi , richiamerà il nocciolo gelido dal Rodano e da Carcassona.

Il modello tedesco non vede la formazione del minimo sopra la Spagna

 

Se teniamo in considerazione l‘elevata affidabilità del modello tedesco GME nel prevedere minimi depressionari , vedremo che l’ago della bilancia penderà quasi sicuramente verso un ingresso più orientale e quindi dalla porta della Bora , visto al momento dalla maggior parte dei GM.

 

A cura di Raffaele Laricchia


Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Previsioni Meteo : nuova perturbazione dal week-end, arriva la neve in pianura?

Sabato ventoso: raffiche fin’oltre gli 80 km/h fra Sicilia e Calabria. Ecco le zone più colpite.

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 14 dicembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

PREVISIONI METEO: l’aria fredda non riuscirà ad abbandonare l’Italia tanto facilmente
Meteo a 15 giorni: occhi puntati sul FORTE RISCALDAMENTO in stratosfera

COMMENTS