Alluvione Abruzzo zona di Pineto

Alluvione Abruzzo, zona di Pineto: ad un anno e 6 mesi dall’alluvione del 2012, nuovi disastri per le piogge in Abruzzo.

Alluvione Abruzzo, zona di Pineto – E’ tornato a splendere il sole sulla regione, ma l’Abruzzo deve fare conta dei danni per le forti precipitazioni degli ultimi giorni, che hanno generato fra il 5 e il 6 Settembre un alluvione lampo nell’area di Pineto, proprio la zona colpita nel Marzo 2012, come alcuni di voi ricorderanno.  Duramente colpita la zona del quartiere dei Poeti e quella di Scerne, in cui strade e sottopassi sono risultati allagati.  Le piogge sono cadute per diverse ore, soprattutto nella giornata di Mercoledì 5 Settembre.

Alluvione Abruzzo, zona di Pineto

Alluvione Abruzzo, zona di Pineto

Ultime notizie – In volo per monitorare la situazione, il 6 settembre 2012, c’è stato anche l’11° Reparto Volo della Polizia di Stato di Pescara, comandato dal dirigente pilota Giuseppe Pillitteri, coordinato dalla Polizia Stradale e dalla Prefettura di Teramo.
L’elicottero della polizia ha svolto ricognizioni aeree tra Pineto, Scerne di Pineto e Roseto. Ha effettuando anche il monitoraggio dei fiumi Vomano, Tordino e Salinello, per eventuali ondate di piena che si potevano verificare a causa delle abbondanti piogge. Dalle ultime osservazioni i fiumi dovrebbero versare in condizioni abbastanza tranquille. Scerni e il teramano costiero erano ancora però allagate, con i conseguenti numerosi disagi. Giulianova e Roseto sono state le altre due località più colpite dai nubifragi.

Seguiteci numerosi anche su www.facebook.com/InMeteo



Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


La Pastiera Napoletana: come si prepara il dolce tipico partenopeo famoso in tutta Italia (video ricetta)

Intensa e rara scossa di terremoto in tennessee: avvertita ad Atlanta

Meteo oggi: risveglio gelido, temperature diffusamente sotto zero

AGGIORNAMENTO previsioni meteo LIVE per OGGI, DOMANI e i prossimi giorni
NEVE: ecco chi la vedrà! Anche Padova, Bologna, Venezia e poi Milano?

COMMENTS