Nadine: l’ex uragano che minaccia l’Europa

Nadine, divenuto ormai tempesta tropicale, muove lentamente verso Est con forti venti e piogge. Nel mirino l’Europa occidentale. 

Uragano Nadine diventa tempesta tropicale e minaccia l'Europa

Uragano Nadine diventa tempesta tropicale e minaccia l’Europa

Nadine: l’uragano Nadine è stato declassato a tempesta tropicale secondo le ultime analisi dei grandi centri meteorologici mondiali. Resta tuttavia molto attiva la circolazione instabile attorno ad essa. Oggi è allerta meteo per le Isole Azzorre, che ricordiamo essere un arcipelago di origine vulcanica situato nell’oceano Atlantico che è formato da nove isole principali che sono São Miguel, Pico, Terceira, São Jorge, Faial, Flores, Santa Maria, Graciosa e Corvo e da numerosi isolotti. Forti piogge sono già in atto e continueranno a caratterizzare le condizioni meteorologiche sulle Azzorre nelle prossime ore, anche nella giornata di domani. Ricordiamo che uragani o tempeste tropicali non sono così rare in queste aree.

Come procederà la tempesta Nadine? I modelli previsionali sono in forte crisi, dal momento che ognuno vede una traiettoria e una dinamica diversa (talvolta anche nettamente diversa). Dunque, ne conseguono previsioni a medio termine (si intende oltre i 3-4 giorni) di non facile lettura e poco attendibili per l’intero continente europeo. Si può comunque affermare che la tempesta sotto forma di un’intensa perturbazione dovrebbe approdare fra Domenica e Lunedì sull’Europa occidentale: Gran Bretagna, Francia, Spagna e Portogallo potrebbero dover fare i conti con piogge torrenziali e forti venti anche fino ai 100-120 km/h.

Le conseguenze sull’Italia? Non preoccupatevi: sull’Italia nessun uragano, ma al contrario, per diversi giorni, almeno fino al termine della settimana, avremo, come spiegato qui un ritorno del caldo e della stabilità diffusa. Per la prossima settimana, poi, tanta incertezza ma l’ipotesi più accredita pare essere quella dell’arrivo delle piogge da Ovest per lo sfondamento di basse pressioni comunque legate al vortice Nadine; questo intorno Martedì-Mercoledì, e non è escluso un re-invigorimento del maltempo grazie all’energia fornita dal caldo Mar Mediterraneo. Insomma, potrebbero arrivare i “rimasugli” di questo ex-uragano, che deve far paura più all’Europa occidentale che alla nostra penisola. Ciò non vuol dire che l’Italia non possa aver a che fare con una nuova fase di forte maltempo dalla prossima settimana, più segnatamente le regioni centro-settentrionali. Vi invitiamo a seguire l’evoluzione con i nostri costanti aggiornamenti e anche tramite facebook e la nostra fanpage ufficiale 



Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


L’arcobaleno perfetto e circolare : video mozzafiato

Meteo Protezione Civile domani: tempo generalmente stabile, ma con peggioramento serale

Incendio stabilimento rifiuti a Roma: forte odore acre fino al centro della capitale. “CHIUDERE LE FINESTRE”.

MODELLO EUROPEO: toccata e fuga del FREDDO al nord, rialzo termico dal prossimo weekend
PREVISIONI METEO: l’aria fredda raggiunge l’Italia ma dal prossimo weekend…

COMMENTS