Motogp Australia risultati 28 Ottobre 2012: Lorenzo campione del mondo

Motogp Australia risultati 28 Ottobre 2012: Lorenzo campione del mondo. Lo spagnolo conquista matematicamente il titolo della Motogp 2012

Motogp Australia risultati 28 Ottobre 2012 Ultim’ora: lo spagnolo Jorge Lorenzo ha conquistato il titolo di campione del mondo nella classe MotoGp, poco fa, in Australia, durante il gran premio di Phillip Island. La gara di oggi in Australia è stata vinta però dalla Honda di Casey Stoner, che aveva fatto non a caso registrare il tempo migliore nelle qualifiche. Lorenzo è giunto secondo nel circuito di Phillip Island e così conquista matematicamente il suo storico quarto titolo iridato. (2 titoli della MotoGp e due titoli, in passato, della categoria 250). Lo spagnolo ha avuto vita facile anche grazie alla caduta avvenuta già al primo giro del rivale Dani Pedrosa, che ha concluso la gara al terzo posto. I colori azzurri non possono sorridere: Valentino Rossi ha chiuso in settima posizione a ben 37 secondi dal primo tempo.

Motogp Australia risultati 28 Ottobre 2012

Motogp Australia risultati 28 Ottobre 2012: Lorenzo secondo, ma vince il mondiale

Motogp Australia risultati 28 Ottobre 2012 – classifica generale

La gara odierna ha generato la seguente classifica, che vede appunto trionfare Jorge Lorenzo:  1) Jorge Lorenzo 350 pt. 2) Dani Pedrosa 307 3) Casey Stoner 238 4) Andrea Dovizioso 5) Alvaro Bautista 6) Valentino Rossi 7). Vi ricordiamo che il nostro sito InMeteo.net continuerà a seguire le vicende della MotoGp con news, informazioni, e le previsioni meteo per le gare. Info anche su www.facebook.com/InMeteo



Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Meteo Protezione Civile domani: freddo ma generalmente stabile

Arrivano le Geminidi : le stelle cadenti di dicembre!

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 10 dicembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

MODELLO EUROPEO: una settimana di tempo freddo ma con un approdo mite
Settimana di tempo instabile invernale: vediamo cosa potrebbe succedere

COMMENTS