Astronomia: Scoperto pianeta abitabile vicino la Terra

Astronomia – Una importante scoperta è venuta alla luca nei giorni scorsi, con la notizia che si è diffusa nella giornata di ieri, 19 Dicembre 2012. Presso il sistema di Tau Ceti, è stato individuato un pianeta che disterebbe “soltanto” 12 anni luce dal nostro.  Tau Ceti (τ Cet / τ Ceti) è una stella della costellazione della Balena simile al Sole sia per massa che per tipo spettrale. Nelle vicinanze sono stati scoperti ben cinque pianeti ed almeno uno di questi sarebbe per l’appunto abitabile grazie a condizioni e caratteristiche simili a quelle della Terra. Per quanto concerne le dimensioni dovrebbe avere una massa corrispondente a una dimensione compresa fra due o sei volte quella del nostro pianeta, un corpo celeste, dunque, di dimensioni rilevanti.

Astronomia

Astronomia: scoperto pianeta potenzialmente abitale a soli 12 anni luce dalla Terra

La scoperta è stata effettuata dall’Università della California, con la partecipazione di altre importanti accademe. Lo studio che ha condotto al ritrovamento sarà pubblicato sul Journal of Astronomy & Astrophysics, e si basa su un nuovo metodo di rilevazione spettrografica con segnali potenti teoricamente il doppio rispetto a quelli utilizzati finora, che ha permesso di produrre flussi di rilevamento analizzabili nel dettaglio. Da questi sono apparsi proprio i cinque pianeti nella zona di Tau Ceti.
“Abbiamo scelto Tau Ceti perché abbiamo pensato che fosse un banco di prova ideale per testare il nostro metodo per la rilevazione di piccoli pianeti”, ha dichiarato Hugh Jones della Università di Hertfordshire, Regno Unito. “Tau Ceti è uno dei nostri vicini più prossimi cosmiche così luminoso che si potrebbe venire a studiare le atmosfere dei pianeti in un futuro non troppo lontano,” afferma inoltre James Jenkins (Università del Cile). Questa scoperta confermerebbe l’idea “che quasi tutte le stelle hanno pianeti, e la galassia deve quindi contenere un gran numero di pianeti potenzialmente abitabili con una dimensione simile alla nostra” ha dichiarato poi Steve Vogt dell’Università di Santa Cruz.



Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Meteo domani: perturbazione in serata, attese piogge e rovesci

Grandinata storica a Roccalumera: si spala il ghiaccio per liberare le strade [VIDEO]

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 15 dicembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

MODELLO EUROPEO: diverse occasioni di pioggia in arrivo, neve a bassa quota al nord
PREVISIONI METEO: l’incognita della neve al nord tra domenica e lunedì