Asteroide Ag5 nel 2040: impatto con la Terra? Il responso della Nasa

Asteroide Ag5 nel 2040: nessun impatto con il Pianeta affermano gli scienziati della NASA, dopo recenti osservazioni da telescopio

Asteroide Ag5 nel 2040. I maggiori scienziati l’avevo scoperto già nel corso del 2011 (da qui la sua denominazione “Asteroide 2040”), che in un futuro stimato attorno al 2040 giungerà “vicino” l’orbita della terra anche; ma ora arrivano nuove conferme importanti da parte degli scienziati della Nasa che affermano che non vi sarà alcun impatto con il nostro Pianeta. Confermato anche che il grande asteroide dovrebbe passare relativamente vicino alla Terra fra 28 anni. Esso non fara’, dunque, nessun danno, e la fine del Mondo è così scongiurata: nessuna collisione o nessuna distruzione vicina in grado di causare piogge di meteoriti pericolose.

Asteroide Ag5 nel 2040

Asteroide Ag5 nel 2040: la NASA svela le possibilità di impatto con la Terra

Nuove osservazioni dell’asteroide 2011 Ag5 hanno permesso di asserire praticamente con certezza, secondo i vari calcoli svolti, che la roccia di 140 metri di diametro non colpira’ la Terra nel 2040. Quando il corpo celeste fu scoperto lo scorso anno, gli scienziati gli attribuirono una probabilita’ su 500 di colpire il nostro pianeta. Ora tale probabilità diviene praticamente nulla. Gli scienziati hanno consolidato la loro certezza sull’inoffensivita’ dell’asteroide attraverso osservazioni compiute tramite il telescopio Gemini North che si trova nelle Hawaii. Si tratta di una conferma di uno studio della Nasa risalente allo scorso giugno che era gia’ arrivato comunque a conclusioni simili. L’asteroide non dovrebbe avvicinarsi a piu’ di 890mila chilometri dalla Terra, circa il doppio della distanza che c’e’ fra Terra e Luna.



Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Bianco risveglio a L’Aquila, neve fino a quote basse al centro-nord!

Meteo oggi: maltempo, attese nevicate in pianura al Nord

Terremoto Sicilia : nuova modesta scossa su Gangi, avvertita tra Cefalù ed Enna

Il ‘freddo Natale’ del MODELLO AMERICANO…
Houston abbiamo un problema: si chiama STRAT-WARMING estremo!