Malattie rare, incluse nei livelli di assistenza Epidurale e Ludopatia

Malattie rare, incluse nei livelli di assistenza Epidurale e Ludopatia numerose nuove malattie

Malattie rare / Anche se si tratta di proposte che dovranno poi essere vagliate dal parlamento il ministro della Salute Balduzzi ha esposto le sue idee riguardo i Lea ossia le nuove malattie riconosciute come rare e che lo stato dovrebbe impegnarsi a nel sostenere le cure. Si tratta naturalmente di un’iniziativa che dovrà poi essere approvata dal Ministero dell’economia e dal parlamento.

Con il nuovo anno vengono riconosciute come Lea, rientrando nei livelli di assistenza 110 nuove malattie rare e 5 croniche (come la ostiomieliti croniche, le patologie renali croniche e la sarcoidosi dallo stadio II in poi e la sindrome da Talidomide ). Ciò comporterà un aumento del numero di pazienti che dovranno trovare assistenza nelle strutture tipo Sert o Centri diurni). La proposta del Ministro della Salute include anche l’epidurale e la ludopatia che vengono riconosciute come forma di dipendenza patologica. Saranno poi le Regioni a dover assicurare i servizi nelle varie strutture sanitarie locali.

Malattie rare

Malattie rare, incluse nei livelli di assistenza Epidurale e Ludopatia

L’aumento delle spese che comporteranno tali novità verrà compensato con un taglio delle prestazioni considerate “eccessive” che si concentreranno principalmente sull’assistenza specialistica ambulatoriale che include anche un controllo delle ricette che dovrà contenere specifici riferimenti diagnostici per evitare l’inutilizzabilità della ricetta stessa.


Articolo di Emiliano Sassolini


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Incendio stabilimento rifiuti a Roma: forte odore acre fino al centro della capitale. “CHIUDERE LE FINESTRE”.

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 11 dicembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

Maltempo : risveglio invernale in Italia, nevica fino a 500 metri in Puglia

NEVE: vorreste trovare la vostra casa in queste condizioni? Forse no…
Il meteo sulla carta del tempo: ecco l’ARIA FREDDA in arrivo…